it

Differences between revisions 19 and 20
Revision 19 as of 2008-10-26 13:46:56
Size: 14164
Editor: elle.uca
Comment:
Revision 20 as of 2008-10-26 14:16:55
Size: 8433
Editor: mail
Comment: ready to go
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 9: Line 9:
The minimum memory requirement for Ubuntu 8.10 is 256 MiB of memory. (Note that some of your system's memory may be unavailable due to being used for the graphics card.)
Line 12: Line 10:

With only the minimum amount of memory available, the installation process will take longer than normal, but will complete successfully, and the system will perform adequately once installed. Low-memory systems may be able to use the desktop CD to install by selecting "Install Ubuntu" from the boot menu to run just the installer, rather than the whole desktop started by selecting "Try Ubuntu without any change to your computer".
Line 34: Line 30:
In accordance with the Debian Policy Manual (which says "The 'Recommends' field should list packages that would be found together with this one in all but unusual installations"), the package management system now installs packages listed in the Recommends: field of other installed packages as well as Depends: by default. If you want to avoid this for specific packages, use `apt-get --no-install-recommends`; if you want to make this permanent, set `APT::Install-Recommends` in `/etc/apt/apt.conf`. Be aware that this may result in missing features in some programs.
Line 46: Line 40:
The 71 and 96 series of proprietary nVidia drivers, as provided by the {{{nvidia-glx-legacy}}} and {{{nvidia-glx}}} packages in Ubuntu 8.04, are not compatible with the X.Org included in Ubuntu 8.10. Users with the nVidia TNT, TNT2, TNT Ultra, Ge``Force, Ge``Force2, Ge``Force3, and Ge``Force4 chipsets are affected and will be transitioned on upgrade to the free {{{nv}}} driver instead. This driver does not support 3D acceleration. Per possessori di schede video con altri chipset nVidia che sono supportati dalle serie 173 e 177 del driver verrà eseguita la transizione ai pacchetti {{{nvidia-glx-173}}} o {{{nvidia-glx-177}}}. Però, a differenza dei driver 96 e 71, i driver 173 e 177 sono compatibili solo con processori che supportano le istruzioni [[http://it.wikipedia.org/wiki/Streaming_SIMD_Extensions|SSE]] (per esempio Intel Pentium III, AMD Athlon XP o superiori). Per sistemi con processori più vecchi verrà eseguita durante l'avanzamento la transizione al driver ''nv''.
Line 48: Line 42:
Per possessori di schede video con alti chipset nVidia che sono supportati dalle serie 173 e 177 del driver verrà eseguita la transizione ai pacchetti {{{nvidia-glx-173}}} o {{{nvidia-glx-177}}}. Però, a differenza dei driver 96 e 71, i driver 173 e 177 sono compatibili solo con processori che supportano le istruzioni [[http://it.wikipedia.org/wiki/Streaming_SIMD_Extensions|SSE]] (per esempio Intel Pentium III, AMD Athlon XP o superiori). Per sistemi con processori più vecchi verrà eseguita durante l'avanzamento la transizione al driver ''nv''.

Users of other nVidia chipsets that are supported by the 173 or 177 driver series will be transitioned to the {{{nvidia-glx-173}}} or {{{nvidia-glx-177}}} package instead. However, unlike drivers 96 and 71, drivers 173 and 177 are only compatible with CPUs that support [[http://en.wikipedia.org/wiki/Streaming_SIMD_Extensions|SSE]] (e.g. Intel Pentium III, AMD Athlon XP or higher). Systems with older CPUs will also be transitioned to the {{{nv}}} driver on upgrade.
Line 62: Line 53:
The X.Org configuration file ({{{/etc/X11/xorg.conf}}}) still has Input``Device entries for the mouse and keyboard, but they are ignored now because input-hotplug is
used. The keyboard settings now come from {{{/etc/default/console-setup}}}; to change them please use `sudo dpkg-reconfigure console-setup`. After that, HAL and X
need to be restarted (e.g., by rebooting your system).
Line 69: Line 56:

The X keycodes generated with the new {{{evdev}}} input driver in X.Org 1.5 are not compatible with those generated in Ubuntu 8.04 LTS and before. If you have configured keybindings for your user with a {{{~/.Xmodmap}}} file, you will need to convert or disable it by hand on upgrade.
Line 76: Line 61:
No real-time kernel variant is available for the Linux 2.6.27 kernel included with Ubuntu 8.10. Users of Ubuntu``Studio 8.04 who need real-time kernel support are advised not to upgrade to Ubuntu``Studio 8.10.
Line 79: Line 62:
Line 85: Line 67:
The version of the {{{iwlagn}}} wireless driver for Intel 4965 wireless chipsets included in Linux kernel version 2.6.27 causes kernel panics when used with 802.11n networks. Users affected by this issue can install the {{{linux-backports-modules-intrepid}}} package, to install a newer version of this driver that corrects the bug. (Because the known fix requires a new version of the driver, it is not expected to be possible to include this fix in the main kernel package.)
Line 89: Line 69:
La versione del kernel Linux 2.6.27 imposta l'opzione timestamps nei pacchetti TCP ([[http://www.ietf.org/rfc/rfc1323.txt|RFC 1323]]); questa è un opzione nata nel 1992 per migliorare le prestazioni su percorsi high-bandwidth-times-latency e per migliorare l'attendibilità su percorsi high-bandwidth, precedentemente omessa per errore.

Linux 2.6.27 now sets the timestamps option in TCP packets ([[http://www.ietf.org/rfc/rfc1323.txt|RFC 1323]]), an option dating from 1992 to improve performance over high-bandwidth-times-latency paths and to improve reliability over high-bandwidth paths, which was previously omitted by mistake.
La versione del kernel Linux 2.6.27 imposta l'opzione timestamps nei pacchetti TCP ([[http://www.ietf.org/rfc/rfc1323.txt|RFC 1323]]); questa è un'opzione nata nel 1992 per migliorare le prestazioni su percorsi high-bandwidth-times-latency e per migliorare l'attendibilità su percorsi high-bandwidth, precedentemente omessa per errore.
Line 97: Line 75:
However, this change appears to cause problems for some users, believed to be due to buggy routers between the user and the destination server (for example, this has been reported by several Verizon DSL users). If your Internet connection mostly appears to be working correctly, but you have problems connecting to certain sites, then try the following command: {{{
sudo sysctl -w net.ipv4.tcp_timestamps=0
}}}

Questo cambiamento scade al successivo riavvio del sistema. Se ciò risolve il problema, è possibile rendere oò cambiamento permanente eseguendo `sudo editor /etc/sysctl.conf` e aggiungendo alla fine del file la seguente riga: {{{
Questo cambiamento scade al successivo riavvio del sistema. Se ciò risolve il problema, è possibile rendere il cambiamento permanente eseguendo `sudo editor /etc/sysctl.conf` e aggiungendo alla fine del file la seguente riga: {{{
Line 105: Line 79:
This change will normally expire the next time you restart your computer. If it fixes the problem, then you can make the change permanent by running `sudo editor /etc/sysctl.conf` and adding the following line to the end of that file: {{{
net.ipv4.tcp_timestamps = 0
}}}

Il vero bug è però da ricercare nel proprio router (qualora se ne possieda uno) o nei router del proprio ISP.  Se è disponibile un aggiornamento del firmware per il proprio router, seguire le istruzioni del proprio fornitore per aggiornarlo. Altrumenti contattare il supporto del fornitore del router o il proprio ISP per ulteriori consigli. Nel frattempo, il gruppo di sviluppo del kernel Linux sta studiando una soluzione che servirà a ripristinare l'interoperabilità con tali router permettendo al tempo stesso di abilitare il timestamps per TCP; sarà valutato se inserire questa soluzione in un aggiornamento dopo il rilascio della versione 8.10.

The real bug here is in your router (if you own one) or your ISP's routers. If a firmware upgrade is available for your router, follow your manufacturer's instructions to upgrade it. Otherwise, contact the support department of your router manufacturer or your ISP for further advice. At the same time, Linux kernel upstream is investigating a workaround that will restore interoperability with these routers while permitting TCP timestamps to be enabled, and this fix will be evaluated for inclusion in a Stable Release Update after the 8.10 release.
Il vero bug è però da ricercare nel proprio router (qualora se ne possieda uno) o nei router del proprio ISP. Se è disponibile un aggiornamento del firmware per il proprio router, seguire le istruzioni del proprio fornitore per aggiornarlo. Altrimenti contattare il supporto del fornitore del router o il proprio ISP per ulteriori consigli. Nel frattempo, il gruppo di sviluppo del kernel Linux sta studiando una soluzione che servirà a ripristinare l'interoperabilità con tali router permettendo al tempo stesso di abilitare il timestamps per TCP; sarà valutato se inserire questa soluzione in un aggiornamento dopo il rilascio della versione 8.10.
Line 114: Line 82:

See [[https://launchpad.net/bugs/264019|bug #264019]], and thanks to [[http://wiki.mandriva.com/en/2009.0_Errata#TCP_timestamps|Mandriva]] for their clear documentation of this issue.
Line 125: Line 91:
File systems hosted on iSCSI targets may not be mounted automatically at boot time, even if they have an entry in /etc/fstab, if a bridged or bonded Ethernet interface is required to reach the iSCSI target. As a work-around, you would have to restart the open-iscsi service and manually mount the file system in question after system boot, once the required network interface have been brought up. Systems equipped with a plain Ethernet interface are not affected.

See [[https://launchpad.net/bugs/227848|bug #227848]].

Queste note di rilascio illustrano i problemi noti con Ubuntu 8.10 «Intrepid Ibex» e le altre varianti.

Requisiti di sistema

La quantità minima di memoria richiesta per Ubuntu 8.10 «Intrepid Ibex» è 256 MiB (notare che parte della memoria del sistema potrebbe essere non disponibile se utilizzata dalla scheda video).

Se è disponibile solo la quantità minima di memoria richiesta, sarà necessario più tempo del normale per il processo di installazione; l'installazione comunque potrà essere ugualmente completata e, una volta installato, il sistema potrà essere eseguito in modo adeguato. Sistemi con poca memoria possono utilizzare il CD desktop per l'installazione selezionando dal menù di avvio la voce "Installa Ubuntu", in modo da eseguire solo il programma di installazione, invece che mandare in esecuzione l'intero ambiente grafico selezionando la voce "Prova Ubuntu senza modificare il computer".

Installazione

Pacchetti "recommended" installati in modo predefinito

In accordo con il "Debian Policy Manual" (che enuncia "il campo 'Recommends' dovrebbe elencare i pacchetti che dovrebbero essere presenti nel computer assieme al pacchetto corrente in tutte le installazioni tranne quelle non usuali"), il sistema di gestione dei pacchetti ora installa in modo predefinito i pacchetti elencati nel campo Recommends: così come avviene per i pacchetti nell'elenco Depends:.

Per evitare questo comportamento per un singolo pacchetto, usare il comando:

apt-get --no-install-recommends nome_pacchetto

Per evitare questo comportamento per tutti i pacchetti in modo permanente, inserire la riga:

APT::Install-Recommends

nel il file /etc/apt/apt.conf.

Notare che ciò potrebbe avere come conseguenza l'assenza di funzionalità in alcuni pacchetti.

Avanzamento di versione

Gli utenti di Ubuntu 8.04 posso eseguire l'avanzamento a Ubuntu 8.10 tramite un semplice processo automatico. Gli utenti di rilasci più vecchi dovranno prima effettuare l'avanzamento a Ubuntu 8.04 LTS e solo successivamente alla 8.10. Istruzioni complete possono essere trovate presso questa pagina

Users of Ubuntu 8.04 can upgrade to Ubuntu 8.10 by a convenient automated process. Users of older Ubuntu releases need to upgrade to Ubuntu 8.04 LTS first, and then to 8.10. Complete instructions may be found at http://www.ubuntu.com/getubuntu/upgrading.

Supporto video nVidia "legacy"

Le serie 71 e 96 dei driver proprietari nVidia, forniti dai pacchetti nvidia-glx-legacy e nvidia-glx in Ubuntu 8.04, non sono compatibili con la versione di X.Org inclusa in Ubuntu 8.10. I possessori di schede video con chipset nVidia TNT, TNT2, TNT Ultra, GeForce, GeForce2, GeForce3, e GeForce4 subiranno gli effetti di tale incompatibilità e durante l'avanzamento verrà eseguita la transizione al driver libero nv. Tale driver però non supporta l'accelerazione 3D.

Per possessori di schede video con altri chipset nVidia che sono supportati dalle serie 173 e 177 del driver verrà eseguita la transizione ai pacchetti nvidia-glx-173 o nvidia-glx-177. Però, a differenza dei driver 96 e 71, i driver 173 e 177 sono compatibili solo con processori che supportano le istruzioni SSE (per esempio Intel Pentium III, AMD Athlon XP o superiori). Per sistemi con processori più vecchi verrà eseguita durante l'avanzamento la transizione al driver nv.

Device di input in X.Org

Nel file di configurazione di X.Org (/etc/X11/xorg.conf) sono ancora presenti campi InputDevice per il mouse e la tastiera; tali campi sono però ignorati poiché ora viene utilizzato input-hotplug.

Le impostazioni della tastiera sono ora salvate nel file /etc/default/console-setup; per cambiarle usare il comando:

sudo dpkg-reconfigure console-setup

Dopo un cambiamento di tali impostazioni è necessario riavviare i demoni HAL e X.

Incompatibilità evdev xmodmap di X.Org

I keycode X generati con il nuovo driver di input evdev di X.Org 1.5 non sono compatibili con quelli generati in Ubuntu 8.04 LST e precedenti. Se sono state configurate delle associazioni di tasti tramite un file ~/.Xmodmap, è necessario convertirle o disabilitarle durante l'avanzamento.

Supporto kernel real-time per UbuntuStudio

Non sono disponibili varianti real-time per il kernel Linux 2.6.27 incluso in Ubuntu 8.10. Gli utenti di UbuntuStudio 8.04 che necessitano di un kernel con supporto real-time sono invitati a non eseguire l'avanzamento a UbuntuStudio 8.10.

Altri problemi noti

Blocchi del sistema con chip wireless Intel 4965

La versione del driver wireless iwlang per il chipset Intel 4965 incluso nel kernel Linux versione 2.6.27 causa una serie di kernel panic quando usato con reti di tipo 802.11n. Gli utenti affetti da questo problema possono installare il pacchetto linux-backports-modules-intrepid: il pacchetto fornisce una versione più recente del driver che corregge il bug (poiché la correzione nota richiede una nuova versione del driver, non è possibile includere tale correzione nel pacchetto principale del kernel).

Timestamp TCP

La versione del kernel Linux 2.6.27 imposta l'opzione timestamps nei pacchetti TCP (RFC 1323); questa è un'opzione nata nel 1992 per migliorare le prestazioni su percorsi high-bandwidth-times-latency e per migliorare l'attendibilità su percorsi high-bandwidth, precedentemente omessa per errore.

Tuttavia questo cambiamento sembra causare problemi ad alcuni utenti, si suppone a causa di router difettosi tra l'utente e il server di destinazione (per esempio, questo problema è stato segnalato da molti utenti di Verizon DSL). Se la propria connessione Internet sembra funzionare correttamente, ma si hanno problemi di connessione solo con determinati siti, provare il seguente comando:

sudo sysctl -w net.ipv4.tcp_timestamps=0

Questo cambiamento scade al successivo riavvio del sistema. Se ciò risolve il problema, è possibile rendere il cambiamento permanente eseguendo sudo editor /etc/sysctl.conf e aggiungendo alla fine del file la seguente riga:

net.ipv4.tcp_timestamps = 0

Il vero bug è però da ricercare nel proprio router (qualora se ne possieda uno) o nei router del proprio ISP. Se è disponibile un aggiornamento del firmware per il proprio router, seguire le istruzioni del proprio fornitore per aggiornarlo. Altrimenti contattare il supporto del fornitore del router o il proprio ISP per ulteriori consigli. Nel frattempo, il gruppo di sviluppo del kernel Linux sta studiando una soluzione che servirà a ripristinare l'interoperabilità con tali router permettendo al tempo stesso di abilitare il timestamps per TCP; sarà valutato se inserire questa soluzione in un aggiornamento dopo il rilascio della versione 8.10.

Per ulteriori informazioni, consultare il bug #264019 su Launchpad. Un rigraziamento a Mandriva per la chiara documentazione su questo problema.

Ordine di avvio iSCSI

I file system ospitati su dispositivi iSCSI potrebbero non venir montati automaticamente all'avvio del sistema, anche se per essi è presente una voce in /etc/fstab, nel caso in cui è richiesta un'interfaccia Ethernet "bridged" o "bonded" per raggiungere il dispositivo iSCSI. Per aggirare il problema, è necessario riavviare il servizio open-scsi e montare manualmente il file system in questione dopo l'avvio, una volta che l'interfaccia di rete richiesta è ormai attiva.

I sistemi dotati di una normale interfaccia Ethernet non sono affetti da questo problema.

Per maggiori informazioni, consultare il bug #227848.

Riferimenti

IntrepidReleaseNotes/it (last edited 2008-11-23 11:29:48 by mail)