it

Differences between revisions 12 and 13
Revision 12 as of 2009-04-17 19:02:13
Size: 14865
Editor: mail
Comment: updates
Revision 13 as of 2009-04-21 12:39:37
Size: 15614
Editor: mail
Comment:
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 184: Line 184:
Questi blocchi si verificano spesso con i chipset '''i965''' ([[Bug:359392|bug 359392]]). Per questo motivo, nei sistemi dotati di questo chipset, gli effetti visivi sono stati disabilitati in modo predefinito nel rilascio finale. Verranno riabilitati con un successivo aggiornamento alla versione '''9.04'''.
Line 196: Line 198:
== Directory "ubuntu" esistente utilizzata da Wubi ==

Se nel sistema è presente una directory chiamata `ubuntu`, questa viene utilizzata durante l'installazione Windows e viene successivamente rimossa terminata l'installazione ([[Bug:364166|bug 364166]]), comportando la perdita dei file presenti in tale directory. È consigliato rinominare qualsiasi directory chiamata `ubuntu` prima di procedere con un'installazione di Wubi.


Queste note di rilascio illustrano i problemi noti con Ubuntu 9.04 e le altre varianti.

Requisiti di sistema

La quantità minima di memoria richiesta per Ubuntu 9.04 è 256 MiB (notare che parte della memoria del sistema potrebbe essere non disponibile se utilizzata dalla scheda video).

Se è disponibile solo la quantità minima di memoria richiesta, sarà necessario più tempo del normale per il processo di installazione; l'installazione comunque potrà essere ugualmente completata e, una volta installato, il sistema potrà essere eseguito in modo adeguato. Sistemi con poca memoria possono utilizzare il CD desktop per l'installazione selezionando dal menù di avvio la voce Installa Ubuntu, in modo da eseguire solo il programma di installazione, invece che mandare in esecuzione l'intero ambiente grafico selezionando la voce Prova Ubuntu senza modificare il computer.

Installazione

Pacchetti "recommended" installati in modo predefinito

In accordo con il "Debian Policy Manual" (che enuncia "il campo 'Recommends' dovrebbe elencare i pacchetti che dovrebbero essere presenti nel computer assieme al pacchetto corrente in tutte le installazioni tranne quelle non usuali"), il sistema di gestione dei pacchetti ora installa in modo predefinito i pacchetti elencati nel campo Recommends: così come avviene per i pacchetti nell'elenco Depends:.

Per evitare questo comportamento per un singolo pacchetto, usare il comando:

apt-get --no-install-recommends nome_pacchetto

Per evitare questo comportamento per tutti i pacchetti in modo permanente, inserire la riga:

APT::Install-Recommends "false";

nel file /etc/apt/apt.conf.

Notare che ciò potrebbe avere come conseguenza l'assenza di funzionalità in alcuni pacchetti.

(Questa modifica è stata apportata in Ubuntu 8.10)

Avanzamento di versione

Gli utenti di Ubuntu 8.10 possono effettuare l'avanzamento a Ubuntu 9.04 tramite un comodo processo automatico; gli utenti di versioni precedenti alla 8.10 devono prima avanzare a quest'ultima e successivamente eseguire l'avanzamento alla versione 9.04. Istruzioni dettagliate su come effettuare l'avanzamento possono essere trovate nella documentazione della comunità italiana.

Gli utenti di Kubuntu, invece, possono effettuare l'avanzamento diretto dalla versione 8.04 alla versione 9.04. Per chi volesse utilizzare questo tipo di avanzamento, è consigliato leggere le note di rilascio della versione 8.10 poiché potrebbero verificarsi alcuni dei problemi lì descritti.

Errori di avvio su sistemi con schede madri Intel D945

In sistemi dotati di schede madri Intel D945 sono stati riscontrati alcuni rallentamenti nell'individuare dischi rigidi SATA. In questa eventualità il sistema potrebbe riportare l'errore «Giving up waiting for root device» e avviarsi in una shell busybox di initramfs. Attendere alcuni minuti quindi uscire dalla shell digitando il seguente comando:

exit

L'avvio dovrebbe procedere normalmente. Se ciò non si verificasse, aspettare ancora qualche minuto e riprovare. Non appena il sistema si avvia, modificare il file /boot/grub/menu.lst e aggiungere alla riga del proprio kernel l'opzione:

rootdelay=90

(bug 290153)

Utilizzo di LABEL= in /etc/fstab con gli avanzamenti di versione

I sistemi installati usando la versione Alpha 5, Alpha 6 o la versione beta di Ubuntu 9.04 potrebbero far uso, all'interno del file /etc/fstab, della sintassi LABEL= per identificare i file system. Questa opzione potrebbe causare dei comportamenti inattesi se in seguito viene collegato un altro disco (come un drive USB) contenente dei file system con etichette discordanti. A meno di non essere sicuri di ciò che si intende fare, è consigliato utilizzare gli UUID (Universally Unique Identifiers).

Per esempio, se un file system è identificato come LABEL=home nel file /etc/fstab, è possibile trovare il proprio UUID come segue:

blkid -o value -s UUID -l -t LABEL=home

In seguito è sufficiente sostituire LABEL=home con UUID=output, dove output è l'output restituito dal comando precedente.

I sistemi installati usando la versione candidata per il rilascio o il rilascio finale di Ubuntu 9.04 non sono soggetti a questo problema.

Necessario ripetere la cifratura delle directory personali con gli avanzamenti dalle versioni Alpha

Agli utenti che usavano il programma eCryptfs con le versioni Alpha è consigliato ripetere la procedura di cifratura di qualsiasi file cifrato in precedenza. Un problema nella versione 2.6.28 del kernel causava la scrittura casuale di memoria nelle intestazioni di file cifrati tramite eCryptfs. La risoluzione di questo problema è stata applicata alla versione candidata per il rilascio (bug 345544).

Gli utenti che utilizzavano questo kernel dovrebbero eseguire nuovamente la cifratura dei file usando il comando:

/usr/bin/ecryptfs-rewrite-file

Per maggiori informazioni, consultare la pagina man di ecryptfs-rewrite-file(1).

Programma LILO installato con gli avanzamenti di versione

I sistemi Ubuntu 8.10 installati con il CD desktop si trovano per errore installato il pacchetto lilo così come quello grub, sebbene GRUB sia stato usato per la fase di avvio. Se viene utilizzato per l'avanzamento di versione il metodo raccomandato tramite il programma Gestore aggiornamenti, il pacchetto lilo viene rimosso automaticamente se non in uso. Se si utilizza un altro metodo di avanzamento e si è certi di usare solamente il programma per l'avvio GRUB, è consigliato rimuovere il pacchetto lilo manualmente (bug 314004).

Impostazione del dominio di regolamentazione della rete senza fili attraverso l'opzione del modulo non più supportata

Ubuntu 9.04 abilita il quadro normativo CRDA delle reti senza fili per il controllo dei canali utilizzabili e visibili in una determinata località. Se in precedenza veniva usata, nel file /etc/modprobe.d/options, un'opzione simile alla seguente per consentire l'accesso ad alcuni canali:

options cfg80211 ieee80211_regdom=EU

ora la rete senza fili potrebbe non funzionare affatto. È quindi necessario rimuovere questa opzione dal modulo oppure usare il comando:

iw reg

Ctrl-Alt-Backspace disabilitato in modo predefinito

La combinazione di tasti Ctrl-Alt-Backspace per forzare un riavvio del server X è ora disabilitata in modo predefinito, in modo da prevenirne l'uso accidentale. Gli utenti che desiderano riavere questa funzionalità abilitata, possono modificare il file xorg.conf oppure lanciare il comando:

dontzap --disable

Applet del gestore di rete da aggiungere manualmente dopo l'avanzamento di Kubuntu

Dopo l'avanzamento di versione da Kubuntu 8.10, l'applet del gestore di rete deve essere aggiunta manualmente al pannello (bug 349066).

L'applet di gestione delle rete in Kubuntu non si collega a reti WPA2

L'applet per la gestione della rete in Kubuntu non è in grado di collegarsi a reti WPA2 e ad alcune configurazioni VPN. È possibile utilizzare knetworkmanager (disponibile nel DVD) o in alternativa network-manager-gnome (bug 339313).

Nuove notifiche della disponibilità di aggiornamenti

Ubuntu 9.04 introduce una nuova gestione degli aggiornamenti: viene avviato il programma Gestore aggiornamenti invece di visualizzare un'icona di notifica nel pannello superiore. Gli utenti vengono avvisati riguardo gli aggiornamenti di sicurezza giornalmente, ma per gli aggiornamenti non relativi alla sicurezza vengono avvisati una volta alla settimana.

Per poter ricevere le notifiche come in precedenza, è possibile ripristinare tale comportamento eseguendo il seguente comando:

gconftool -s --type bool /apps/update-notifier/auto_launch false

Altri problemi noti

Evolution non è in grado di salvare gli appuntamenti

Con la versione di Evolution di Ubuntu 9.04 non è possibile salvare gli appuntamenti o le riunioni a causa di un problema con i parametri di localizzazione della data e dell'ora nel componente evolution-data-server (bug 357678).

Nel caso siano già presenti degli appuntamenti, è necessario non modificarli e salvarli prima di aver eseguito le istruzioni indicate in seguito: gli appuntamenti andranno persi.

È possibile risolvere il problema seguendo queste istruzioni:

  1. Scaricare il seguente file: evolution-data-server-2.26.mo.gz (circa 31 KiB) e salvarlo nella cartella Scrivania

  2. Aprire un terminale scegliendo Applicazioni -> Accessori -> Terminale

  3. Spostarsi nella cartella Scrivania:

    cd Scrivania
  4. Eseguire il seguente comando per estrarre il file appena scaricato:

    gzip -d evolution-data-server-2.26.mo.gz
  5. Eseguire il seguente comando per copiare il file appena estratto nella directory corretta:

    sudo cp evolution-data-server-2.26.mo /usr/share/locale-langpack/it/LC_MESSAGES/
    Per eseguire il comando indicato viene richiesto di digitare la propria password
  6. Fermare tutti i servizi di Evolution:

    evolution --force-shutdown
  7. Riavviare Evolution

È necessario ripetere questa procedura nel caso il pacchetto della lingua italiana venga reinstallato manualmente prima di un suo aggiornamento da parte di Ubuntu. Un aggiornamento di tale pacchetto è previsto all'incirca un mese dopo la data di rilascio.

Regressioni nelle prestazioni con schede grafiche Intel

In passato sono state segnalate delle regressioni nelle prestazioni di Ubuntu 8.10 su schede grafiche Intel in confronto a precedenti rilasci (bug 252094). Molti di questi problemi sono stati risolti in Ubuntu 9.04, ma alcuni rimangono.

  • Sono stati segnalati dei miglioramenti nelle prestazioni utilizzando l'opzione "greedy" come migration heuristic. Per aggiungere questa opzione, procedere come segue:

    1. Aprire il file /etc/X11/xorg.conf con un editor di testo:

      sudo gedit /etc/X11/xorg.conf
    2. Nella sezione Device aggiungere quanto segue:

      Option "MigrationHeuristic" "greedy"
  • In alternativa è disponibile un'architettura sperimentale di accelerazione (detta DRI2/UXA) che secondo i test eseguiti fornisce, in alcuni casi, dei significativi incrementi nelle prestazioni, ma ha anche dimostrato problemi di stabilità. È possibile abilitare questa opzione nel seguente modo:

    1. Aprire il file /etc/X11/xorg.conf:

      sudo gedit /etc/X11/xorg.conf
    2. Nella sezione Device aggiungere quanto segue:

      Option "AccelMethod" "UXA"

    Per coloro che vogliono massimizzare la stabilità del sistema è consigliato utilizzare il metodo di accelerazione predefinito (EXA)

    In alcuni casi questo può portare al non avvio dell'ambiente grafico o un ambiente altamente instabile. In questi casi, entrare nella modalità di emergenza o premere Ctrl + Alt + F2, eseguire l'accesso alla console e ripristinare l'opzione EXA nel file /etc/X11/xorg.conf.

  • Se nessuno dei metodi precedenti funziona, sono stati segnalati dei miglioramenti nelle prestazioni utilizzando una versione più vecchia del driver.

Blocco del display con schede grafiche Intel

Sono stati segnalati dei problemi con schede grafiche dotate di chipset video Intel in cui il display rimane bloccato per alcuni minuti riattivando il computer da una sospensione o una ibernazione (bug 339091) o altre circostanze. In molti casi è stato riportato che disabilitare gli effetti visivi (Sistema -> Preferenze -> Aspetto) risolve il problema.

Se invece il problema fosse ancora presente, procedere come segue:

  1. Aprire il file /etc/X11/xorg.conf:

    sudo gedit /etc/X11/xorg.conf
  2. Nella sezione Device aggiungere quanto segue:

    Option "DRI" "off"

In questo modo l'accelerazione 3D viene disabilitata, non sarà più possibile utilizzare gli effetti grafici, ma le operazioni di sospensione/ibernazione saranno nuovamente affidabili.

Questi blocchi si verificano spesso con i chipset i965 (bug 359392). Per questo motivo, nei sistemi dotati di questo chipset, gli effetti visivi sono stati disabilitati in modo predefinito nel rilascio finale. Verranno riabilitati con un successivo aggiornamento alla versione 9.04.

Blocchi di sistema nell'eliminare file da un file system ext4

È stato segnalato che in alcuni casi l'eliminazione di file da un file system ext4 possa causare dei blocchi software nel kernel (bug 330824). Una soluzione per questo problema è in lavorazione e verrà rilasciata come un aggiornamento successivo alla data di rilascio. Per evitare questo problema, è consigliato installare il sistema operativo utilizzando il file system predefinito ext3 e successivamente eseguire una conversione a ext4 (come descritto nella documentazione di ext4).

Aggiornamento manuale di GRUB con il passaggio a ext4

Se viene scelto di aggiornare il file system delle partizioni / o /boot da ext2/ext3 a ext4 (come descritto nella documentazione di ext4), una volta effettuato l'avanzamento a Ubuntu 9.04 è necessario eseguire il comando:

grub-install

per reinstallare il programma di avvio. Non eseguendo questa operazione, la versione del programma di avvio (GRUB) installata non sarà in grado di leggere il kernel dal nuovo file system ext4 e il sistema non verrà avviato.

Directory "ubuntu" esistente utilizzata da Wubi

Se nel sistema è presente una directory chiamata ubuntu, questa viene utilizzata durante l'installazione Windows e viene successivamente rimossa terminata l'installazione (bug 364166), comportando la perdita dei file presenti in tale directory. È consigliato rinominare qualsiasi directory chiamata ubuntu prima di procedere con un'installazione di Wubi.

Possibili blocchi di sistema su architettura ARM

La versione per architettura ARM al momento non supporta le chiamate di sistema ppoll() e pselect() con la conseguente impossibilità, a volte, di montare il file system root all'avvio. Questo è un caso di race condition: ripetere l'avvio solitamente risolve il problema.

Il lavoro per aggiungere le chiamate di sistema è in corso e verrà rilasciato attraverso un aggiornamento del kernel successivo alla data di rilascio.

Ulteriori risorse

JauntyJackalope/ReleaseNotes/it (last edited 2009-04-22 20:18:36 by mail)