it

Differences between revisions 14 and 15
Revision 14 as of 2010-04-24 22:23:25
Size: 41601
Editor: fabiomarconi
Comment:
Revision 15 as of 2010-04-25 12:14:46
Size: 23898
Comment:
Deletions are marked like this. Additions are marked like this.
Line 12: Line 12:
= Release notes for Ubuntu 10.04 for ARM =

A separate page has been made available with release notes for the developer-oriented Ubuntu 10.04 armel port. Please see [[https://wiki.ubuntu.com/ARM/LucidReleaseNotes]] for information about issues impacting installation on ARM.
= Note di rilascio per versione ARM =

Per gli sviluppatori e i programmatori ARM è stata creata una pagina dedicata per le note di rilascio del ''port'' Armel di Ubuntu 10.04. Per maggiori informazioni, consultare: [[https://wiki.ubuntu.com/ARM/KarmicReleaseNotes]].
= Note di rilascio per la versione ARM di Ubuntu 10.04 =

Per gli sviluppatori e i programmatori ARM è stata creata una pagina dedicata per le note di rilascio della conversione (''port'') ad Armel di Ubuntu 10.04. Per maggiori informazioni, consultare: [[https://wiki.ubuntu.com/ARM/LucidReleaseNotes]].
Line 21: Line 18:
== Recommended packages installed by default ==

In accordance with the Debian Policy Manual (which says "The 'Recommends' field should list packages that would be found together with this one in all but unusual installations"), the package management system now installs packages listed in the Recommends: field of other installed packages as well as Depends: by default. If you want to avoid this for specific packages, use `apt-get --no-install-recommends`; if you want to make this permanent, set `APT::Install-Recommends "false";` in `/etc/apt/apt.conf`. Be aware that this may result in missing features in some programs.

(This change was made in Ubuntu 8.10.)
Line 42: Line 34:
== Hibernation may be unavailable with automatic partitioning ==

The default partitioning recipe in the installer will in some cases allocate a swap partition that is smaller than the physical memory in the system. This will prevent the use of hibernation (suspend-to-disk) because the system image will not fit in the swap partition. If you intend to use hibernation with your system, you should ensure that the swap partition's size is at least as large as the system's physical RAM. (Bug:345126)
Line 47: Line 37:
Lo schema di partizionamento di default del programma di installazione potrebbe, in alcuni casi, allocare una partizione di swap più piccola rispetto alla memoria fisica del sistema. Questo non renderà possibile l'uso della modalità Ibernazione (suspend-to-disk) in quanto l'immagine di sistema sarà più grande della partizione di swap. Se avete intenzione di usare la modalità Ibernazione sul vostro sistema, assicuratevi che la dimensione della partizione di swap sia almeno quanto la quantità di RAM presente sul sistema. (Bug:345126)

== Package list must be manually refreshed before installing drivers ==

The "Hardware Drivers" tool (Jockey) requires up to date package lists before it detects and advertises necessary driver packages. Immediately after a new installation, these package lists will not be present. Before running Jockey for the first time, update the package lists using {{{System->Administration->Software->Update Manager}}} (on Ubuntu) or "KPackageKit" (on Kubuntu). (Bug:462704)

==
Aggiornamento elenco dei pacchetti per l'installazione di driver ==
Lo schema di partizionamento di default del programma di installazione potrebbe, in alcuni casi, allocare una partizione di swap più piccola rispetto alla memoria fisica del sistema. Questo non renderà possibile l'uso della modalità Ibernazione (sospendi su disco) in quanto l'immagine di sistema sarà più grande della partizione di swap. Se avete intenzione di usare la modalità ''Ibernazione'' sul vostro sistema, assicuratevi che la dimensione della partizione di swap sia almeno quanto la quantità di RAM presente sul sistema. (Bug:345126)

== Aggiornamento manuale dell'elenco dei pacchetti per l'installazione di driver ==
Line 57: Line 43:
== OEM "prepare for shipping" icon not shown in Kubuntu Netbook Edition ==

When using the OEM installation option on Kubuntu Netbook Edition, no "prepare for shipping" icon is placed on the desktop. Users who are doing OEM installations with Kubuntu Netbook Edition can access this feature under by choosing {{{System->Prepare for shipping ...}}} from the main bar. (Bug:386099)
Line 63: Line 45:
Quando viene utilizzata l'opzione di installazione OEM nella ''Kubuntu Netbook Edition'', l'icona '''Preparazione per consegna all'utente''' non è presente sulla scrivania ([[Bug:386099|bug 386099]]). Gli utenti che eseguono installazioni OEM con la ''Kubuntu Noetbook Edition'' possono accedere a questa funzionalità scegliendo '''''Sistema → Preparazione per consegna all'utente''''' ('''''System → Prepare for shipping''''') oppure eseguire, da un terminale, il seguente comando: {{{
oem-config-prepare
}}}


== Boot options hidden by default on Desktop and Netbook CDs ==

The Ubuntu 10.04 LTS Desktop and Netbook CDs feature a new boot interface that is noninteractive by default. To configure advanced boot options, press any key at the first boot screen.

== Opzioni di avvio nascoste in modo predefinito sui CD desktop e netbook ==

I CD desktop e netbook di '''Ubuntu 10.04 LTS''' hanno una nuova interfaccia di avvio che non è interattiva in modo predefinito. Per configurare le opzioni di avvio avanzate, premere qualsiasi tasto durante la prima schermata di avvio.


== Dmraid active by default on Desktop CD ==

Dmraid "fake raid" devices are supported out-of-the-box on the Ubuntu 10.04 LTS Desktop CD, and are detected and activated by dmraid on boot. Ubiquity will offer to install on the RAID array, and not on the RAID members.

The automatic activation of dmraid can be disabled with the "nodmraid" boot option, available by pressing F6 in the CD boot menu. This can be useful for setups which have fakeraid metadata present on the disks, but where dmraid activation would be undesired or cause problems.
== Dmraid attivo di default sul CD Desktop ==
I dispositivi Dmraid "fake raid" sono supportati out-of-the-box sul CD Desktop di Ubuntu 10.04 LTS e sono rilevati e attivati da dmraid all'avvio. Ubiquity renderà possibile l'installazione RAID sull'array e non sui membri.
Quando viene utilizzata l'opzione di installazione OEM nella ''Kubuntu Netbook Edition'', l'icona '''Preparazione per consegna all'utente''' non è presente sulla scrivania ([[Bug:386099|bug 386099]]). Gli utenti che eseguono installazioni OEM con la ''Kubuntu Notebook Edition'' possono accedere a questa funzionalità scegliendo '''''Sistema → Preparazione per consegna all'utente''''' ('''''System → Prepare for shipping''''') nella barra principale, oppure eseguire, da un terminale, il seguente comando: {{{oem-config-prepare}}}

== Opzioni di avvio nascoste in modo predefinito sui CD desktop e ultraportatili (netbook) ==

I CD per i desktop e per gli ultraportatili di '''Ubuntu 10.04 LTS''' hanno una nuova interfaccia di avvio che non è interattiva in modo predefinito. Per configurare le opzioni di avvio avanzate, premere qualsiasi tasto durante la prima schermata di avvio.

== Dmraid attivo in modo predefinito sul CD Desktop ==
I dispositivi Dmraid "fake raid" sono supportati senza necessità di configurazione sul CD desktop di Ubuntu 10.04 LTS e sono rilevati e attivati da dmraid all'avvio. Ubiquity renderà possibile l'installazione RAID sull'array e non sui membri.
Line 87: Line 56:
= Upgrading =

Users of Ubuntu 9.10 and Ubuntu 8.04 LTS can upgrade to Ubuntu 10.04 by a convenient automated process. Users of other Ubuntu releases need to upgrade first to either Ubuntu 8.04 LTS or Ubuntu 9.10, and then to 10.04. Complete instructions may be found at http://www.ubuntu.com/getubuntu/upgrading.
Line 95: Line 60:
== GRUB menu.lst: install the maintainer's version vs. keep the local version ==

If you have previously modified the {{{menu.lst}}} bootloader configuration for GRUB, either by hand or with a tool such as {{{kgrubeditor}}}, you may be asked on upgrade whether you wish to keep your local version of the menu.lst or install the package maintainer's version. This question is asked because such changes cannot be merged automatically with 100% reliability, and care is taken to not overwrite the user's manually edited bootloader configuration without warning.

However, if you choose to "keep the local version currently installed," your system will not be set up to boot from any newly-installed kernels. '''Manual action is required on your part to ensure that your system is running the current, security-supported kernel after upgrade.''' If you have local changes to your bootloader config that you want to keep, it is recommended that you follow these steps:

 * Choose "keep the local version currently installed" at the prompt.
 * Open {{{/boot/grub/menu.lst}}} with a text editor (e.g., {{{sudo gedit /boot/grub/menu.lst}}}).
 * Apply any changes you've made to the kernel boot options to the commented variables (e.g., {{{groot}}}, {{{kopt}}}, {{{defoptions}}}) above.

 * Move any manually-added boot options for other operating systems so that they are above the line {{{
### BEGIN AUTOMAGIC KERNELS LIST
}}} or below the line {{{
### END DEBIAN AUTOMAGIC KERNELS LIST
}}}
 * Save the file, and run {{{sudo update-grub}}} from the commandline.
 * Choose "install the package maintainer's version".

For example, if you added an option `i915.modeset=0` to the "kernel" line:

{{{
kernel /vmlinuz-2.6.31-14-generic root=UUID=0e7... ro quiet splash i915.modeset=0
}}}

then add this option to {{{kopt}}}:

{{{
# kopt=root=UUID=0e7... ro i915.modeset=0
}}}

An updated version of the {{{grub}}} package will include information about this problem in the help screen for the {{{menu.lst}}} prompt. (Bug:470490)


== GRUB menu.lst: installare la versione del manutentore del pacchetto o mantenere l'attuale versione ==

Se il file configurativo {{{menu.lst}}} del bootoader GRUB è stato modificato, sia manualmente che tramite strumenti quali {{{kgrubeditor}}}, è possibile che durante l'avanzamento venga richiesto se si desidera mantenere l'attuale versione del file menu.lst oppure installare quella del manutentore del pacchetto. Questa domanda viene posta perchè queste variazioni non possono essere incorporate automaticamente con la matematica certezza della riuscita dell'operazione e perchè non si ritiene corretto sovrascrivere le impostazioni manuali dell'utente senza un preventivo avviso.
D'altrocanto, se si sceglie di "mantenere la versione attualmente installata" il sistema non potrà avviare nessuno dei nuovi kernel installati. '''Dopo l'avanzamento di versione sarà necessario un intervento manuale per garantire che il sistema esegua il kernel con gli adeguati aggiornamenti di sicurezza.''' Nel caso si desideri mantenere le variazioni fatte alla configurazione del bootloader, è necessario seguire questi passi:

 * Quando richiesto scegliere "mantenere la versione attualmente installata".
== GRUB menu.lst: installare la versione contenuta nel pacchetto o mantenere la propria versione locale ==

Se il file di configurazione {{{menu.lst}}} del bootloader GRUB è stato modificato sia manualmente, sia tramite strumenti quali {{{kgrubeditor}}}, è possibile che durante l'avanzamento venga richiesto se si desidera mantenere la propria versione del file menu.lst oppure installare quella contenuta nel pacchetto. Questa domanda viene posta perché queste variazioni non possono essere incorporate automaticamente con la matematica certezza della riuscita dell'operazione e perché non si ritiene corretto sovrascrivere le impostazioni manuali dell'utente senza un preventivo avviso.
Tuttavia, se si sceglie di "mantenere la versione attualmente installata", il sistema non sarà impostato per avviarsi da nessuno dei nuovi kernel installati. '''Dopo l'avanzamento di versione sarà necessario un intervento manuale per garantire che il sistema esegua il kernel con gli adeguati aggiornamenti di sicurezza.''' Nel caso si desideri mantenere le variazioni fatte alla configurazione del bootloader, è necessario seguire questi passaggi:

 * Quando richiesto, scegliere "mantenere la versione attualmente installata".
Line 135: Line 67:
 * Applicare tutte le variazioni fatte in precedenza alle opzioni di boot del kernel nelle variabili commentate (es., {{{groot}}}, {{{kopt}}}, {{{defoptions}}}).

 * Spostare ogni opzione d'avvio, manualmente aggiunta per altri sistemi operativi,di modo che risulti sopra la linea {{{
 * Applicare tutte le variazioni fatte in precedenza alle opzioni di boot del kernel alle variabili commentate (es., {{{groot}}}, {{{kopt}}}, {{{defoptions}}}).

 * Spostare ogni opzione d'avvio, manualmente aggiunta per altri sistemi operativi, di modo che risulti sopra la linea {{{
Line 144: Line 76:
per esempio, se si aggiunge l'opzione `i915.modeset=0` alla linea "kernel":
P
er esempio, se si aggiunge l'opzione `i915.modeset=0` alla linea "kernel":
Line 158: Line 91:
== Setting wireless regulatory domain via module option no longer supported ==

Ubuntu 10.04 LTS enables the CRDA wireless regulatory framework for controlling which wireless channels are usable and visible in a particular location. If you previously had to use the module option similar to that below in {{{/etc/modprobe.d/options.conf}}} to allow access to certain channels in your locality then you may find that wireless will not function at all:
== Impostazione non più supportata del dominio di regolamentazione della rete senza fili attraverso l'opzione del modulo ==

Ubuntu 10.04 LTS abilita il quadro normativo CRDA delle reti senza fili per il controllo dei canali utilizzabili e visibili in una determinata località. Se in precedenza veniva usata, nel file {{{/etc/modprobe.d/options}}}, un'opzione simile alla seguente per consentire l'accesso ad alcuni canali nella propria zona, è possibile che ora la rete senza fili non funzioni:
Line 164: Line 97:
You should remove this kernel module option on upgrade to Ubuntu 9.10 and use the {{{iw reg}}} command instead.

(This change was made in Ubuntu 9.04.)

== Impostazione non più supportata del dominio di regolamentazione della rete senza fili attraverso l'opzione del modulo ==

Ubuntu 10.04 LTS abilita il quadro normativo CRDA delle reti senza fili per il controllo dei canali utilizzabili e visibili in una determinata località. Se in precedenza veniva usata, nel file {{{/etc/modprobe.d/options}}}, un'opzione simile alla seguente per consentire l'accesso ad alcuni canali, è possibile che ora la rete senza fili non funzioni:

    options cfg80211 ieee80211_regdom=EU
Line 176: Line 99:
(Questa modifica è stata apportata in Ubuntu 10.04).

== Bonded network interfaces must use hotplug-style configuration ==

The migration of network handling to upstart means that all network devices are now handled in a hotplug manner. As a result, bonded interfaces are only brought up reliably on boot when the bonded interface is created as part of the configuration of the physical interface; otherwise, the system may attempt to bring up the bonded interface before the underlying physical interfaces are available, and fail. For an example of how to configure a bonding interface for hotplug, please see {{{/usr/share/doc/ifenslave-2.6/examples/two_hotplug_ethernet}}} in the {{{ifenslave-2.6}}} package.

(This change was made in Ubuntu 9.10.)
(Questa modifica è stata fatta in Ubuntu 9.10)
Line 186: Line 103:
La migrazione della gestione di rete ad upstart significa che ora tutti i dispositivi di rete sono gestiti in modalità hotplug. Come risultato, si ha un avvio affidabile delle interfacce aggregate dato che vengono create come configurazione dell'interfaccia fisica; altrimenti il sistema potrebbe tentare di avviare le interfacce aggregate prima che la successiva interfaccia fisica sia disponibile, sbagliando.
Per un esempio su come configurare un interfaccia aggregata per hotplug, consultare {{{/usr/share/doc/ifenslave-2.6/examples/two_hotplug_ethernet}}} nel pacchetto {{{ifenslave-2.6}}}.
La migrazione della gestione di rete ad upstart significa che ora tutti i dispositivi di rete sono gestiti in modalità hotplug. Come risultato, si ha un avvio affidabile delle interfacce aggregate dato che vengono create come parte della configurazione dell'interfaccia fisica; altrimenti il sistema potrebbe tentare di avviare le interfacce aggregate prima che la successiva interfaccia fisica sia disponibile, sbagliando.
Per un esempio su come configurare un'interfaccia aggregata per hotplug, consultare {{{/usr/share/doc/ifenslave-2.6/examples/two_hotplug_ethernet}}} nel pacchetto {{{ifenslave-2.6}}}.
Line 191: Line 108:
== Kubuntu may keep unneeded guidance power package ==

The kubuntu upgrade may leave the no longer needed packages "kde-guidance-powermanager" or "guidance-power-manager" installed. Those can be removed.
Line 199: Line 112:
== Ctrl-Alt-Backspace disabled by default in Xorg, configured via XKB ==

Since Ubuntu 9.04, the Ctrl-Alt-Backspace key combination to force a restart of X is now disabled by default, to eliminate the problem of accidentally triggering the key combination. In addition, the Ctrl-Alt-Backspace option is now configured as an X keymap (XKB) option, replacing the X server "DontZap" option and allowing per-user configuration of this setting.

As a result, enabling or disabling the Ctrl+Alt+Backspace shortcut can now be done easily from the desktop.

== Ctrl-Alt-Backspace disabilitato in modo predefinito in Xorg ==

A partire dalla versione '''9.04''', la combinazione di tasti '''Ctrl + Alt + Backspace''' per forzare un riavvio del server X è disabilitata in modo predefinito, in modo da prevenirne l'uso accidentale. Inoltre, tale combinazione di tasti è ora configurata come opzione XKB, sostituendo così l'opzione "DontZap" del server X e rendendo possibile una configurazione per-utente.

Riabilitare questa scorciatoia può ora essere compiuto direttamente nell'ambiente grafico.

=== Enabling Ctrl-Alt-Backspace for Ubuntu ===

 * Select "System"->"Preferences"->"Keyboard"
 * Select the "Layouts" tab and click on the "Layout Options" button.
 * Select "Key sequence to kill the X server" and enable "Control + Alt + Backspace".
== Ctrl-Alt-Backspace disabilitato in modo predefinito in Xorg, configurato tramite XKB ==

A partire da '''Ubuntu 9.04''', la combinazione di tasti '''Ctrl + Alt + Backspace''', usata per forzare un riavvio del server X, è disabilitata in modo predefinito, per prevenirne l'uso accidentale. Inoltre, tale combinazione di tasti è ora configurata come opzione di mappatura dei tasti X (XKB), sostituendo così l'opzione "DontZap" del server X e rendendo possibile una configurazione per-utente.

Questa combinazione di tasti può ora essere facilmente riattivata dalla scrivania.
Line 222: Line 123:

=== Enabling Ctrl-Alt-Backspace for Kubuntu ===

 * Click on the Application launcher and select "System Settings"
 * Click on "Regional & Language".
 * Select "Keyboard Layout".
 * Click on "Enable keyboard layouts" (in the Layout tab).
 * Select the "Advanced" tab. Then select "Key sequence to kill the X server" and enable "Control + Alt + Backspace".

For further information, see: https://wiki.ubuntu.com/X/Config/DontZap
Line 243: Line 134:
== Change in notifications of available updates ==

Ubuntu 10.04 LTS launches {{{update-manager}}} directly to handle package updates, instead of displaying a notification icon in the GNOME panel. Users are notified of security updates on a daily basis, but for updates that are not security-related, users will only be prompted once a week.

Users who wish to continue receiving update notifications in the previous manner can restore the earlier behavior using the following command:

{{{
== Nuove notifiche della disponibilità di aggiornamenti ==

Con la versione '''10.04 LTS''', invece di visualizzare un'icona di notifica nel pannello superiore, viene avviato il programma '''Gestore aggiornamenti'''. Gli utenti vengono avvisati riguardo gli aggiornamenti di sicurezza giornalmente, ma per gli aggiornamenti non relativi alla sicurezza vengono avvisati una volta alla settimana.

Per ricevere le notifiche come in precedenza, è possibile ripristinare tale comportamento eseguendo il seguente comando: {{{
Line 253: Line 142:
(This change was made in Ubuntu 9.04.)

== Nuove notifiche della disponibilità di aggiornamenti ==

Con la versione '''10.04 LTS''', invece di visualizzare un'icona di notifica nel pannello superiore, viene avviato il programma '''Gestore aggiornamenti'''. Gli utenti vengono avvisati riguardo gli aggiornamenti di sicurezza giornalmente, ma per gli aggiornamenti non relativi alla sicurezza vengono avvisati una volta alla settimana.

Per poter ricevere le notifiche come in precedenza, è possibile ripristinare tale comportamento eseguendo il seguente comando: {{{
gconftool -s --type bool /apps/update-notifier/auto_launch false
}}}

Questa modifica è stata apportata nella versione '''9.04'''.


== MySQL upgrade ==

In Ubuntu 10.04 LTS, MySQL 5.1 is the only version of MySQL available. Performing an upgrade via update-manager will correctly handle the transition from MySQL 5.0 to MySQL 5.1.
(Questa modifica è stata fatta in Ubuntu 9.04)
Line 272: Line 146:
In '''Ubuntu 10.04 LTS''', MySQL 5.1 è la sola versione di MySQL disponibile. Se l'avanzamento è gestito da '''update-manager''' la transizione da MySQL 5.0 a MySQL 5.1 sarà gestita correttamente.

=== MySQL Cluster setup ===

If MySQL has been set up to use the MySQL Cluster engine (NDB engine), upgrading to MySQL 5.1 will '''not''' work since the mysql-dfsg-5.1 packages don't support MySQL Cluster. Instead the '''mysql-cluster-server''' package should be installed.
In '''Ubuntu 10.04 LTS''', la sola versione disponibile di MySQL è la 5.1. Se l'avanzamento è gestito da '''update-manager''' la transizione da MySQL 5.0 a MySQL 5.1 avverrà correttamente.
Line 280: Line 150:
Se MySQL è stato configurato per utilizzare il motore MySQL Cluster (NDB), l'aggiornamento a MySQL 5.1 '''non''' funzionerà, poiché il pacchetto ''mysql-dfsg-5.1'' non supporta MySQL Cluster. È necessario invece installare il pacchetto ''mysql-cluster-server''.

== /etc/event.d no longer used ==

The version of {{{upstart}}} included in Ubuntu 10.04 LTS no longer uses the configuration files in the {{{/etc/event.d}}} directory, looking to {{{/etc/init}}} instead. No automatic migration of changes to {{{/etc/event.d}}} is possible. If you have modified any settings in this directory, you will need to reapply them to {{{/etc/init}}} in the new configuration format by hand. (Bug:402759)

(This change was made in Ubuntu 9.10.)
Se MySQL è stato configurato per utilizzare il motore MySQL Cluster (NDB), l'aggiornamento a MySQL 5.1 '''non''' funzionerà, poiché i pacchetti ''mysql-dfsg-5.1'' non supportano MySQL Cluster. È necessario invece installare il pacchetto ''mysql-cluster-server''.
Line 290: Line 154:
La versione di '''upstart''' inclusa in '''Ubuntu 10.04 LTS''' non utilizza più i file di configurazione presenti nella directory `/etc/event.d`, ma utilizza invece `/etc/init`.

Non è possibile eseguire una migrazione automatica delle modifiche apportate in `/etc/event.d`.

Se sono state apportate delle modifiche alle impostazioni in questa directory, è necessario riapplicarle manualmente utilizzando il nuovo formato di configurazione in `/etc/init` ([[Bug:402759|bug 402759]]).
La versione di {{{upstart}}} inclusa in '''Ubuntu 10.04 LTS''' non utilizza più i file di configurazione presenti nella directory {{{/etc/event.d}}}, ma utilizza invece {{{/etc/init}}}.

Non è possibile eseguire una migrazione automatica delle modifiche apportate in {{{/etc/event.d}}}.

Se sono state eseguite delle modifiche alle impostazioni in questa directory, è necessario riapplicarle manualmente utilizzando il nuovo formato di configurazione in {{{/etc/init}}} ([[Bug:402759|bug 402759]]).
Line 298: Line 162:
== Syslog upgrade ==

The `sysklogd` package has been replaced with `rsyslog`. Configurations in `/etc/syslog.conf` will be automatically migrated to `/etc/rsyslog.d/50-default`. If you modified the log rotation settings in `/etc/cron.daily/sysklogd` or `/etc/cron.weekly/sysklogd`, you will need to change the new configurations in `/etc/logrotate.d/rsyslog`. Also note that the prior rotation configurations used `.0` as the first rotated file extension, and now with logrotate it will be `.1`.

(This change was made in Ubuntu 9.10.)
Line 306: Line 164:
Il pacchetto ''syslogd'' è stato sostituito con ''rsyslog''. Le configurazioni presenti in `/etc/syslog.conf` verranno automaticamente convertite in `/etc/rsyslog.d/50-default`. Se sono state modificate le impostazioni di rotazione del registro in `/etc/cron.daily/sysklogd` o in `/etc/cron.weekly/sysklogd`, sarà necessario modificare le nuove configurazioni in `/etc/logrotate.d/rsyslog`. Notare anche che le configurazioni precedenti usavano `.0` come estensione per il file, ora via logrotate verrà usato `.1`.

== LPIA architecture discontinued ==

The {{{lpia}}} architecture present in previous releases has been discontinued as of
Ubuntu 10.04 LTS. The hardware is still supported, but systems that were installed as {{{lpia}}} will need to be backed up and reinstalled from scratch using either the {{{i386}}} or {{{amd64}}} architectures. See [[https://bugs.launchpad.net/bugs/523295|bug 523295]], which includes an unsupported method for migration from {{{lpia}}} to {{{i386}}}.
Il pacchetto ''syslogd'' è stato sostituito da ''rsyslog''. Le configurazioni presenti in `/etc/syslog.conf` verranno automaticamente convertite in `/etc/rsyslog.d/50-default`. Se sono state modificate le impostazioni di rotazione del registro in `/etc/cron.daily/sysklogd` o in `/etc/cron.weekly/sysklogd`, sarà necessario modificare le nuove configurazioni in `/etc/logrotate.d/rsyslog`. Notare anche che le configurazioni precedenti usavano `.0` come estensione per il file, ora via logrotate verrà usato `.1`.

(Questa modifica è stata fatta in Ubuntu 9.10.)
Line 314: Line 170:
Le architetture {{{LPIA}}} presenti nei precedenti rilasci, a partire da Ubuntu 10.04 LTS non sono più suportate. L'hardware rimane supportato, ma coloro che hanno sistemi installati come {{{lpia}}} devono eseguire il backup e reinstallare da zero utilizzando l'architettura {{{i386}}} oppure {{{amd64}}}. Vedere [[https://bugs.launchpad.net/bugs/523295|bug 523295]], che include un metodo, non supportato, pre la migrazione da {{{lpia}}} a {{{i386}}}.

== Dovecot cmusieve plugin renamed to sieve ==

The "cmusieve" plugin used in dovecot has been renamed to "sieve".  Users who have the following set in their dovecot configuration:
Le architetture {{{LPIA}}} presenti nei precedenti rilasci, a partire da Ubuntu 10.04 LTS non sono più supportate. L'hardware è ancora supportato, ma coloro che hanno sistemi installati come {{{lpia}}} devono eseguire il backup e reinstallare da zero utilizzando l'architettura {{{i386}}} oppure {{{amd64}}}. Vedere il [[https://bugs.launchpad.net/bugs/523295|bug 523295]], che include un metodo non supportato per la migrazione da {{{lpia}}} a {{{i386}}}.

== Il plugin dovecot cmusieve è stato rinominato "sieve" ==

Il plugin "cmusieve" usato in dovecot è stato rinominato "sieve". Gli utenti che hanno la seguente impostazione nella configurazione di dovecot:
Line 324: Line 180:
should change this to: devono cambiarla in:
Line 330: Line 186:
== Il plugin dovecot cmusieve è stato rinominato in sieve ==

Il plugin "cmusieve" usato in dovecot è stato rinominato in "sieve". Gli utenti che hanno la seguente impostazione nella configurazione di dovecot:

{{{
 mail_plugins = cmusieve
}}}


devono cambiarla in:

{{{
 mail_plugins = sieve
}}}


= Other known issues =
Line 349: Line 188:
== Security Issue when upgrading from Lucid Alpha 2 ==

If you installed Lucid prior to Alpha 3, you may have {{{libmysqlclient16}}} 7.0.9-1 installed. This package was present in the Ubuntu archive by mistake and was retracted, but because it has a later version number than the real {{{libmysqlclient16}}} package, the real package will not be installed automatically on upgrade. To ensure that you have the official package installed on your Lucid system and will receive security support for it throughout Ubuntu 10.04 LTS, it is important that you run {{{sudo apt-get install libmysqlclient16/lucid}}} and follow the instructions. (Bug:522225)

== Problema di sicurezza avanzando da Lucid Alpha 2 ==

Se è stata installata una versione precedente la Alpha 3 è possibile avere {{{libmysqlclient16}}} 7.0.9-1 installato. Questo pacchetto era erroneamente presente nell'archivio di Ubuntu e venne sostituito, ma siccome aveva un numero di versione successivo al apcchetto reale, il pacchetto corretto non viene installato automaticamente durante l'aggiornamento. Per verificare di avere il pacchetto ufficiale e riceverene l'eventuale aggiornamento di sicurezza tramite ubuntu 10.04 LTS, è necessartio eseguire in un terminale {{{sudo apt-get install libmysqlclient16/lucid}}} e seguire le istruzioni. (Bug:522225)

== Switching to ext4 requires manually updating grub ==

If you choose to upgrade your `/` or `/boot` filesystem in place from ext2 or ext3 to ext4 (as documented on the [[http://ext4.wiki.kernel.org/index.php/Ext4_Howto#Converting_an_ext3_filesystem_to_ext4|ext4 wiki]]), then you ''must'' also use the `grub-install` command after upgrading to Ubuntu 10.04 LTS to reinstall your boot loader. If you do not do this, then the version of GRUB installed in your boot sector will not be able to read the kernel from the ext4 filesystem and your system will fail to boot.

== Aggiornamento manuale di GRUB con il passaggio a ext4 ==

Se viene scelto di aggiornare il file system delle partizioni `/` o `/boot` da ''ext2''/''ext3'' a ''ext4'' (come descritto nella [[http://ext4.wiki.kernel.org/index.php/Ext4_Howto#Converting_an_ext3_filesystem_to_ext4|documentazione di ext4]]), una volta effettuato l'avanzamento a '''Ubuntu 10.04 LTS''' è necessario eseguire il comando: {{{
grub-install
}}}
per reinstallare il programma di avvio. Non eseguendo questa operazione, la versione del programma di avvio ('''GRUB''') installata non sarà in grado di leggere il kernel dal nuovo file system ''ext4'' e il sistema non verrà avviato.

== Upstart jobs cannot be run in a chroot ==

Upstart jobs cannot be started in a chroot because upstart acts as a service supervisor, and processes within the chroot are unable to communicate with the upstart running outside of the chroot (Bug:430224). This will cause some packages that have been converted to use upstart jobs instead of init scripts to fail to upgrade within a chroot. Users are advised to configure their chroots with /sbin/initctl pointing to /bin/true, with the following commands run within the chroot:
== Problema di sicurezza se si aggiorna da Lucid Alpha 2 ==

Se è stata installata una versione precedente la Alpha 3 è possibile che sia stato installato {{{libmysqlclient16}}} 7.0.9-1. Questo pacchetto era erroneamente presente nell'archivio di Ubuntu ed è stato sostituito, ma poiché aveva un numero di versione successivo al pacchetto reale, il pacchetto corretto non viene installato automaticamente durante l'aggiornamento. Per verificare la presenza del pacchetto ufficiale sul proprio sistema Lucid e ricevere gli aggiornamenti di sicurezza tramite ubuntu 10.04 LTS, è necessario eseguire in un terminale {{{sudo apt-get install libmysqlclient16/lucid}}} e seguire le istruzioni. (Bug:522225)

== Aggiornamento manuale di GRUB per il passaggio a ext4 ==

Se viene scelto di aggiornare il file system delle partizioni `/` o `/boot` da ''ext2''/''ext3'' a ''ext4'' (come descritto nella [[http://ext4.wiki.kernel.org/index.php/Ext4_Howto#Converting_an_ext3_filesystem_to_ext4|wiki di ext4]]), una volta effettuato l'avanzamento a Ubuntu 10.04 LTS '''è necessario''' eseguire il comando: {{{grub-install}}} per reinstallare il programma di avvio. Se non si esegue questa operazione, la versione installata del programma di avvio ('''GRUB''') non sarà in grado di leggere il kernel dal file system ''ext4'' e il sistema non verrà avviato.

== I processi di upstart non possono essere avviati in chroot ==

I processi di '''upstart''' non possono essere avviati in un ambiente chroot poiché '''upstart''' si comporta come supervisore di servizi e i processi all'interno del chroot non sono in grado di comunicare con l'istanza di '''upstart''' in esecuzione all'esterno del chroot ([[Bug:430224|bug 430224]]). Per questo, l'aggiornamento di alcuni pacchetti che sono stati convertiti per usare i processi di '''upstart''' al posto degli script ''init'', potrebbe non riuscire all'interno di un chroot. Si consiglia agli utenti di configurare i propri chroot con `/sbin/initctl` che punta a `/bin/true`, tramite il seguente comando usato all'interno del chroot:
Line 377: Line 205:
== Impossibile eseguire job di upstart in chroot ==

I job di '''upstart''' non possono essere avviati in un ambiente chroot poiché '''upstart''' si comporta come supervisore di servizi e i processi all'interno del chroot non sono in grado di comunicare con l'istanza di '''upstart''' in esecuzione all'esterno del chroot ([[Bug:430224|bug 430224]]). Per questo, l'aggiornamento di alcuni pacchetti che sono stati convertiti per usare i job di '''upstart''' al posto degli script ''init'', potrebbe non riuscire. È consigliato configurare gli ambienti chroot con `/sbin/initctl` che punta a `/bin/true`, usando il seguente comando: {{{
dpkg-divert --local --rename --add /sbin/initctl
ln -s /bin/true /sbin/initctl
}}}

== Encrypted partitions must be listed in /etc/fstab ==

Users who have configured any encrypted partitions in {{{/etc/crypttab}}} to start at boot time (i.e., not using the {{{noauto}}} option) should make sure that the filesystems on these volumes are listed in {{{/etc/fstab}}}. Otherwise, the passphrase prompt is not guaranteed to be displayed at boot time.

== Le partizioni criptate devono essere elencate in /etc/fstab ==

Se sono state configurate delle partizioni criptate in {{{/etc/crypttab}}} da avviare durante il boot (es., non usando l'opzione {{{noauto}}}) bisogna accertare che i filesystem presenti in questi volumi siano elencati in {{{/etc/fstab}}}.
Altrimenti è possibile che durante il boot non avvenga la richiesta della passphrase.

== Avahi will always start even if a .local domain is present ==

The {{{avahi-daemon}}} package, which implements the mDNS "zeroconf" standard, formerly included a check to avoid running when a conflicting {{{.local}}} DNS domain is present, as it was reported that some ISPs advertise such a {{{.local}}} domain on their networks, leaving Ubuntu hosts unable to see names advertised on the local network (Bug:327362). In Ubuntu 9.10, {{{avahi-daemon}}} is started regardless.

It is possible that this may cause other problems. If your network is configured this way, you can disable mDNS using the following command:
== Le partizioni cifrate devono essere elencate in /etc/fstab ==

Se sono state configurate delle partizioni criptate in {{{/etc/crypttab}}} da avviare durante il boot (es., non usando l'opzione {{{noauto}}}), bisogna accertare che i file system presenti in questi volumi siano elencati in {{{/etc/fstab}}}.
Altrimenti è possibile che durante il boot non venga richiesta la parola d'ordine.

== Avahi si avvierà sempre, anche se è presente un dominio .local ==

Il pacchetto {{{avahi-daemon}}}, che implementa lo standard mDNS "zeroconf", prima includeva un controllo per prevenirne l'esecuzione in presenza di un conflittuale dominio DNS {{{.local}}}. Alcuni fornitori di servizi Internet mettono in mostra questo dominio {{{.local}}} all'interno delle proprie reti, non permettendo agli host Ubuntu di visualizzare i nomi disponibili all'interno della rete locale ([[Bug:327362|bug 327362]]). In Ubuntu 9.10 {{{avahi-daemon}}} è avviato a prescindere.

È possibile che ciò causi altri problemi. Se la rete è configurata in questo modo, è possibile disabilitare mDNS con il seguente comando:
Line 404: Line 221:
== Avahi si avvierà sempre in presenza di un dominio .local ==

Il pacchetto ''avahi-daemon'', che implementa lo standard mDNS "zeroconf", comprende un controllo che previene l'esecuzione in presenza di un conflittuale dominio DNS `.local`, Alcuni fornitori di servizi Internet pubblicizzano questo dominio `.local` all'interno delle proprie reti, portando gli host con installata la versione '''10.04 LTS''' di Ubuntu a non visualizzare i nomi disponibili all'interno della rete locale ([[Bug:327362|bug 327362]]). In Ubuntu 10.04 LTS {{{avahi-daemon}}} è avviato a prescindere.

È possibile che ciò causi altri problemi. Se la rete è configurata in questo modo, è possibile disabilitare mDNS con il seguente comando:

{{{
sudo stop avahi-daemon
sudo sed -e '/^start/,+1s/^/#/' /etc/init/avahi-daemon.conf
}}}


== Working around bugs in the new kernel video architecture ==

Ubuntu 10.04 LTS enables the new kernel-mode-setting (KMS) technology by default on most common video chipsets. While this is a major step forward for the graphics architecture in Ubuntu, in some rare cases KMS will prevent your video output from working correctly, or from working at all. If you need to disable KMS, you can do so by booting with the {{{nomodeset}}} option. You can also save this setting so that it's applied at every boot by adding it to your grub config (for GRUB 2: edit `/etc/default/grub` and add `nomodeset` to `GRUB_CMDLINE_LINUX`, then run `sudo update-grub`; for GRUB 1: edit `/boot/grub/menu.lst` and add `nomodeset` to the line beginning with `# kopt=`, then run `sudo update-grub`). (Bug:533784, Bug:541501)

== Aggirare i bug della nuova architettura kernel video ==

Ubuntu 10.04 LTS abilita, in modo prestabilito, la nuova tecnologia kernel-mode-setting (KMS) per i più diffusi chipset video. Benchè questo rappresenti un grosso passo avanti per l'architettura grafica in Ubuntu, in qualche raro caso KMS potrebbe non consentire all'uscita video di funzionare correttamente, o di non funzionare affatto. Se è necessario disabilitare KMS, bisogna avviare il sistema con l'opzione {{{nomodeset}}}. È possibile salvare questa impostazione in modo che venga applicata ad ogni avvio aggiungendola a grub config (per GRUB 2 editare `/etc/default/grub` e aggiungere `nomodeset` a `GRUB_CMDLINE_LINUX`, quindi eseguire `sudo update-grub`; per GRUB 1 editare `/boot/grub/menu.lst` e aggiungere `nomodeset` alla linea che inizia con `# kopt=`, quindi eseguire `sudo update-grub`). (Bug:533784, Bug:541501)

== Evince PDF viewer does not work for nonstandard home directories ==

Evince, the GNOME document viewer, now ships with an enforcing AppArmor profile. This greatly increases security by protecting users against flaws in the historically problematic PDF and image libraries. Users who use a non-standard location for their home directory will need to adjust the home tunable in /etc/apparmor.d/tunables/home. See https://wiki.ubuntu.com/DebuggingApparmor#Adjusting%20Tunables for details.


== Evince non funziona con directory home non standard ==

Evince, il visualizzatore di documenti di GNOME, è ora dotato di un nuovo profilo AppArmor che aumenta considerevolmente le sicurezza, proteggendo gli utenti da problemi legati alle librerie PDF e delle immagini. Gli utenti che utilizzano posizioni non standard per la propria directory home dovranno regolare di conseguenza le configurazione del file `/etc/apparmor.d/tunables/home`. Per maggiori informazioni, consultare [[https://wiki.ubuntu.com/DebuggingApparmor#Adjusting%20Tunables|la documentazione inglese]].

== No delay for boot menu with GRUB 2 ==

When using the GRUB 2 bootloader included in Ubuntu 10.04 LTS, the first boot option will by default be loaded automatically without pausing for user input. To interrupt the boot, users can hold down the Shift key to bring up the boot menu, allowing them to select a different boot option or to configure kernel arguments.
== Aggirare gli errori della nuova architettura video del kernel ==

Ubuntu 10.04 LTS abilita, in modo prestabilito, la nuova tecnologia kernel-mode-setting (KMS) per i più diffusi chipset video. Sebbene questo rappresenti un grosso passo avanti per l'architettura grafica in Ubuntu, in qualche raro caso KMS potrebbe non consentire all'uscita video di funzionare correttamente o di non funzionare affatto. Se è necessario disabilitare KMS, bisogna avviare il sistema con l'opzione {{{nomodeset}}}. È possibile salvare questa impostazione in modo che venga applicata ad ogni avvio aggiungendola a grub config (per GRUB 2: modificare `/etc/default/grub` e aggiungere `nomodeset` a `GRUB_CMDLINE_LINUX`, quindi eseguire `sudo update-grub`; per GRUB 1: modificare `/boot/grub/menu.lst` e aggiungere `nomodeset` alla linea che inizia con `# kopt=`, quindi eseguire `sudo update-grub`). (Bug:533784, Bug:541501)

== Il visualizzatore PDF "Evince" non funziona con directory home non standard ==

Evince, il visualizzatore di documenti di GNOME, è ora dotato di un nuovo profilo AppArmor che aumenta considerevolmente le sicurezza, proteggendo gli utenti da problemi legati alle librerie PDF e alle immagini. Gli utenti che utilizzano posizioni non standard per la propria directory home dovranno regolarne la configurazione nel file `/etc/apparmor.d/tunables/home`. Per i dettagli, consultare [[https://wiki.ubuntu.com/DebuggingApparmor#Adjusting%20Tunables|la documentazione inglese]].
Line 439: Line 231:
Utilizzando il bootloader GRUB 2 incluso in Ubuntu 10.04 LTS, sarà caricata automaticamente la prima opzione di avvio, senza interruzioni per le impostazioni dell'utente. Per interrompere l'avvio, l'utente può premere il tasto Shift per far apparire il menù di avvio, potendo così scegliere una differente opzione di avvio o configurare argomenti del kernel. (https://help.ubuntu.com/community/Grub2#GRUB%20vs%20GRUB%202)

== Changes in boot-time output on Ubuntu Server ==

With the introduction of plymouth, boot-time messages from startup scripts are no longer displayed above the login prompt on tty1. Instead, they are all output to tty7 and on Ubuntu Server, can be viewed after boot by pressing Alt+F7. On all systems the boot output can also be found in {{{/var/log/boot.log}}}.

On new installs of Ubuntu 10.04 LTS Server, no boot splash screen is shown by default. While this provides server administrators with more immediate feedback about their system while booting, it also prevents prompts from reaching the user in the event of filesystem mounting failures. Users can add the {{{splash}}} option to {{{/etc/default/grub}}} if they prefer to always see the splash screen.Hotkeys for interacting with {{{mountall}}} will still work without the splash screen, but are not discoverable: {{{C}}} to cancel a running fsck; {{{M}}} to request a maintenance shell; {{{S}}} to skip an unavailable mount; and {{{F}}} to try to fix errors found by a fsck. (Bug:563916)

== Cambiamenti negli output durante l'avvio in Ubuntu Server ==
Quando si usa il bootloader GRUB 2 incluso in Ubuntu 10.04 LTS, sarà caricata automaticamente la prima opzione di avvio, senza attendere istruzioni dall'utente. Per interrompere l'avvio e fare apparire il menù, scegliere una diversa opzione di avvio o configurare gli argomenti del kernel, l'utente può premere il tasto Maiusc. (https://help.ubuntu.com/community/Grub2#GRUB%20vs%20GRUB%202)

== Cambiamenti nell'output durante l'avvio in Ubuntu Server ==
Line 452: Line 238:
In una nuova installazione di Ubuntu 10.04 LTS Server, non sarà pesente nessuno splash screen d'avvio. Cio consente agli amministratori del server un più immediato feedback sul sistema durante l'avvio. Impedisce anche di raggiungere l'utente in caso di errori di montaggio del filesystem. Nel caso si preferisca vedere lo splash screen, basta agggiungere l'opzione {{{ splash}}} in {{{/etc/default/grub}}}. Le scorciatoie da tastiera per l'interazione con {{{mountall}}}continueranno a funzionare anche senza splash screen, ma non saranno visualizzabili: {{{C}}} per cancellare l'esecuzione di fsck; {{{M}}} per richedere una shell; {{{s}}} persaltare un mount introvabile; {{{F}}} per riparare gli errori rilevati da fsck. (Bug:563916)

== Sun Java moved to the Partner repository ==

For Ubuntu 10.04 LTS, the {{{sun-java6}}} packages have been dropped from the Multiverse section of the Ubuntu archive. It is recommended that you use {{{openjdk-6}}} instead.

If you can not switch from the proprietary Sun JDK/JRE to OpenJDK, you can install {{{sun-java6}}} packages from the Canonical Partner Repository. You can configure your system to use this repository via command-line:
Nelle nuove installazioni di Ubuntu 10.04 LTS Server, non sarà presente alcuna schermata d'avvio. Questo permette agli amministratori del server di avere un resoconto più immediato sul sistema durante l'avvio, e impedisce anche che appaiono richieste all'utente, in caso di errori di montaggio del filesystem. Se si preferisce visualizzare la schermata, basta agggiungere l'opzione {{{ splash}}} in {{{/etc/default/grub}}}. Le scorciatoie da tastiera per l'interazione con {{{mountall}}} continueranno a funzionare anche senza schermata, ma non saranno visualizzabili: {{{C}}} per cancellare l'esecuzione di fsck; {{{M}}} per richiedere una shell di manutenzione; {{{s}}} per saltare un punto di montaggio introvabile; {{{F}}} per tentare di riparare gli errori individuati da fsck.
(Bug:563916)

== Pacchetti Sun Java spostati nel repository Partner ==

Per Ubuntu 10.04 LTS, i pacchetti {{{sun-java6}}} sono stati eliminati dalla sezione Multiverse dell'archivio di Ubuntu. Al loro posto è raccomandabile usare {{{openjdk-6}}}.
Se non è possibile passare dal formato proprietario Sun JDK/JRE a OpenJDK, è possibile installare i pacchetti {{{sun-java6}}} dal Canonical Partner Repository. Per configurare l'uso di questo repository nel sistema, digitare nel terminale:
Line 463: Line 250:
== Pacchetti Sun Java spostati nel repository Partner ==

Per Ubuntu 10.04 LTS, i pacchetti {{{sun-java6}}} sono stati eliminati dalla sezione Multiverse dell'archivio di Ubuntu. Al loro posto è raccomandabile usare {{{openjdk-6}}}.
Se non è possibile cambiare dal formato proprietario Sun JDK/JRE a OpenJDK, è possibile installare i pacchetti {{{sun-java6}}} dal repository canonical partner. Per configurare il sistema all'uso di questo repository da terminale:

{{{
     add-apt-repository "deb http://archive.canonical.com/ lucid partner"
}}}


== Window corruption with older ATI graphics cards ==
 
With older ATI graphics cards with 32MB or less of video RAM some corruption of direct rendered windows, for example OSD notifier windows, might appear. This may be worked around by disabling 'Render``Accel' in the Xorg configuration. (Bug:426582)

To do this first exit to the console using the following command:
== Finestra non funzionante con vecchie schede ATI ==

In presenza di vecchie schede grafiche ATI con 32MiB di memoria RAM o meno, insorgono dei problemi nel ''direct rendering'' delle finestre, come quelle delle notifiche OSD. Per aggirare questo problema, è possibile disabilitare l'opzione `RenderAccel` nella configurazione di X.org ([[Bug:426582|bug 426582]]).

Per fare questo, prima uscire nella console col seguente comando:
Line 481: Line 258:
Then create an Xorg configuration file with the command below:
   {{{

Creare, poi, un file di configurazione di X.org:
  {{{
Line 486: Line 264:
Then add the 'Render``Accel' option to {{{/etc/X11/xorg.conf}}}:
   {{{
Quindi aggiungere l'opzione 'Render``Accel' {{{/etc/X11/xorg.conf}}}:
  {{{
Line 495: Line 273:
And restart X/GDM.
   {{{
sudo service gdm start
}}}

== Finestra non funzionante con vecchie schede ATI ==

In presenza di vecchie schede grafiche ATI con 32MiB di memoria RAM o meno, insorgono dei problemi nel ''direct rendering'' delle finestre, come quelle delle notifiche. Per aggirare questo problema, è possibile disabilitare l'opzione `RenderAccel` nella configurazione di X.org ([[Bug:426582|bug 426582]]).

 0. Creare un file di configurazione di X.org: {{{
sudo Xorg -configure
}}}
 0. Aggiungere, nella sezione `Device`, quanto segue: {{{
Section "Device"
        ...
        Driver "radeon"
        Option "RenderAccel" "off"
EndSection
}}}


Contents

  1. Requisiti di sistema
  2. Note di rilascio per la versione ARM di Ubuntu 10.04
  3. Installazione
    1. Pacchetti "recommended" installati in modo predefinito
    2. L'ibernazione potrebbe non essere disponibile con il partizionamento automatico
    3. Aggiornamento manuale dell'elenco dei pacchetti per l'installazione di driver
    4. Icona per gli OEM non mostrata nella Kubuntu Netbook Edition
    5. Opzioni di avvio nascoste in modo predefinito sui CD desktop e ultraportatili (netbook)
    6. Dmraid attivo in modo predefinito sul CD Desktop
  4. Avanzamento di versione
    1. GRUB menu.lst: installare la versione contenuta nel pacchetto o mantenere la propria versione locale
    2. Impostazione non più supportata del dominio di regolamentazione della rete senza fili attraverso l'opzione del modulo
    3. Le interfacce di rete aggregate (bonded) devono usare la configurazione hotplug-style
    4. Pacchetti guidance-power in Kubuntu non più necessari
    5. Ctrl-Alt-Backspace disabilitato in modo predefinito in Xorg, configurato tramite XKB
      1. Abilitare Ctrl-Alt-Backspace in Ubuntu
      2. Abilitare Ctrl-Alt-Backspace in Kubuntu
    6. Nuove notifiche della disponibilità di aggiornamenti
    7. Aggiornamento di MySQL
      1. Configurazione MySQL Cluster
    8. /etc/event.d non più utilizzato
    9. Aggiornamento di syslog
    10. Le architetture LPIA non sono più supportate
    11. Il plugin dovecot cmusieve è stato rinominato "sieve"
  5. Altri problemi noti
    1. Problema di sicurezza se si aggiorna da Lucid Alpha 2
    2. Aggiornamento manuale di GRUB per il passaggio a ext4
    3. I processi di upstart non possono essere avviati in chroot
    4. Le partizioni cifrate devono essere elencate in /etc/fstab
    5. Avahi si avvierà sempre, anche se è presente un dominio .local
    6. Aggirare gli errori della nuova architettura video del kernel
    7. Il visualizzatore PDF "Evince" non funziona con directory home non standard
    8. Nessun ritardo per il menù d'avvio con GRUB 2
    9. Cambiamenti nell'output durante l'avvio in Ubuntu Server
    10. Pacchetti Sun Java spostati nel repository Partner
    11. Finestra non funzionante con vecchie schede ATI
    12. Incompatibility with nVidia upstream driver installer
    13. Incompatibilità con l'installer via web dei driver nVidia
    14. Intel 8xx X freezes/crashes
    15. Intel 8xx causano freezes/crashes di X

Queste note di rilascio illustrano i problemi noti con Ubuntu 10.04 LTS e le altre varianti.

Requisiti di sistema

La quantità minima di memoria richiesta per Ubuntu 10.04 LTS è 256 MiB (notare che parte della memoria del sistema potrebbe essere non disponibile se utilizzata dalla scheda video). Se è disponibile solo la quantità minima di memoria richiesta, sarà necessario più tempo del normale per il processo di installazione; l'installazione comunque potrà essere ugualmente completata e, una volta installato, il sistema potrà essere eseguito in modo adeguato.

Sistemi con poca memoria possono utilizzare il CD desktop per l'installazione selezionando dal menù di avvio la voce Installa Ubuntu, in modo da eseguire solo il programma d'installazione, invece che mandare in esecuzione l'intero ambiente grafico, o possono utilizzare il CD di installazione alternate.

Note di rilascio per la versione ARM di Ubuntu 10.04

Per gli sviluppatori e i programmatori ARM è stata creata una pagina dedicata per le note di rilascio della conversione (port) ad Armel di Ubuntu 10.04. Per maggiori informazioni, consultare: https://wiki.ubuntu.com/ARM/LucidReleaseNotes.

Installazione

Pacchetti "recommended" installati in modo predefinito

In accordo con il "Debian Policy Manual" (che enuncia "il campo 'Recommends' dovrebbe elencare i pacchetti che dovrebbero essere presenti nel computer assieme al pacchetto corrente in tutte le installazioni tranne quelle non usuali"), il sistema di gestione dei pacchetti ora installa in modo predefinito i pacchetti elencati nel campo Recommends: così come avviene per i pacchetti nell'elenco Depends:.

Per evitare questo comportamento per un singolo pacchetto, usare il comando:

apt-get --no-install-recommends nome_pacchetto

Per evitare questo comportamento per tutti i pacchetti in modo permanente, inserire la riga:

APT::Install-Recommends "false";

nel file /etc/apt/apt.conf.

Notare che ciò potrebbe avere come conseguenza l'assenza di funzionalità in alcuni pacchetti.

Questa modifica è stata apportata nella versione 8.10.

L'ibernazione potrebbe non essere disponibile con il partizionamento automatico

Lo schema di partizionamento di default del programma di installazione potrebbe, in alcuni casi, allocare una partizione di swap più piccola rispetto alla memoria fisica del sistema. Questo non renderà possibile l'uso della modalità Ibernazione (sospendi su disco) in quanto l'immagine di sistema sarà più grande della partizione di swap. Se avete intenzione di usare la modalità Ibernazione sul vostro sistema, assicuratevi che la dimensione della partizione di swap sia almeno quanto la quantità di RAM presente sul sistema. (345126)

Aggiornamento manuale dell'elenco dei pacchetti per l'installazione di driver

Lo strumento Driver hardware (Jockey) richiede un elenco dei pacchetti aggiornati prima di poter rilevare e segnalare la presenza di driver. Completata l'installazione, l'elenco dei pacchetti non sarà presente. Prima di avviare Driver hardware, aggiornare tale elenco scegliendo Sistema → Amministrazione → Gestore aggiornamenti (con Ubuntu) o KPackageKit (con Kubuntu) (bug 462704).

Icona per gli OEM non mostrata nella Kubuntu Netbook Edition

Quando viene utilizzata l'opzione di installazione OEM nella Kubuntu Netbook Edition, l'icona Preparazione per consegna all'utente non è presente sulla scrivania (bug 386099). Gli utenti che eseguono installazioni OEM con la Kubuntu Notebook Edition possono accedere a questa funzionalità scegliendo Sistema → Preparazione per consegna all'utente (System → Prepare for shipping) nella barra principale, oppure eseguire, da un terminale, il seguente comando: oem-config-prepare

Opzioni di avvio nascoste in modo predefinito sui CD desktop e ultraportatili (netbook)

I CD per i desktop e per gli ultraportatili di Ubuntu 10.04 LTS hanno una nuova interfaccia di avvio che non è interattiva in modo predefinito. Per configurare le opzioni di avvio avanzate, premere qualsiasi tasto durante la prima schermata di avvio.

Dmraid attivo in modo predefinito sul CD Desktop

I dispositivi Dmraid "fake raid" sono supportati senza necessità di configurazione sul CD desktop di Ubuntu 10.04 LTS e sono rilevati e attivati da dmraid all'avvio. Ubiquity renderà possibile l'installazione RAID sull'array e non sui membri.

L'attivazione automatica di dmraid può essere disattivata inserendo l'opzione "nodmraid", disponibile premendo F6 nel menù di avvio del CD. Ciò può rivelarsi utile per configurazioni che hanno metadati fakeraid presenti sui dischi ma in cui attivazione di dmraid risulti indesiderata o causi problemi.

Avanzamento di versione

Se attualmente si sta usando Ubuntu 9.10 o Ubuntu 8.04 LTS è possibile eseguire l'avanzamento tramite un agevole processo automatizzato. Se invece si vuole fare l'avanzamento da altri rilasci di Ubuntu, sarà necessario dapprima avanzare ad Ubuntu 8.04 LTS oppure Ubuntu 9.10, e quindi ad Ubuntu 10.04. È possibile avere informazioni più dettagliate in questa pagina wiki.

GRUB menu.lst: installare la versione contenuta nel pacchetto o mantenere la propria versione locale

Se il file di configurazione menu.lst del bootloader GRUB è stato modificato sia manualmente, sia tramite strumenti quali kgrubeditor, è possibile che durante l'avanzamento venga richiesto se si desidera mantenere la propria versione del file menu.lst oppure installare quella contenuta nel pacchetto. Questa domanda viene posta perché queste variazioni non possono essere incorporate automaticamente con la matematica certezza della riuscita dell'operazione e perché non si ritiene corretto sovrascrivere le impostazioni manuali dell'utente senza un preventivo avviso. Tuttavia, se si sceglie di "mantenere la versione attualmente installata", il sistema non sarà impostato per avviarsi da nessuno dei nuovi kernel installati. Dopo l'avanzamento di versione sarà necessario un intervento manuale per garantire che il sistema esegua il kernel con gli adeguati aggiornamenti di sicurezza. Nel caso si desideri mantenere le variazioni fatte alla configurazione del bootloader, è necessario seguire questi passaggi:

  • Quando richiesto, scegliere "mantenere la versione attualmente installata".
  • Aprire il file /boot/grub/menu.lst con un editor di testo (es., sudo gedit /boot/grub/menu.lst).

  • Applicare tutte le variazioni fatte in precedenza alle opzioni di boot del kernel alle variabili commentate (es., groot, kopt, defoptions).

  • Spostare ogni opzione d'avvio, manualmente aggiunta per altri sistemi operativi, di modo che risulti sopra la linea

    ### BEGIN AUTOMAGIC KERNELS LIST

    o sotto la linea

    ### END DEBIAN AUTOMAGIC KERNELS LIST
  • Salvare il file e da terminale eseguire sudo update-grub.

  • Scegliere "installa la versione del manutentore del pacchetto".

Per esempio, se si aggiunge l'opzione i915.modeset=0 alla linea "kernel":

kernel          /vmlinuz-2.6.31-14-generic root=UUID=0e7... ro quiet splash i915.modeset=0

quindi aggiungere l'opzione a kopt:

# kopt=root=UUID=0e7... ro i915.modeset=0

Una versione aggiornata del pacchetto grub includerà informazioni inerenti questo problema nella schermata di aiuto per la richiesta di menu.lst. (470490)

Impostazione non più supportata del dominio di regolamentazione della rete senza fili attraverso l'opzione del modulo

Ubuntu 10.04 LTS abilita il quadro normativo CRDA delle reti senza fili per il controllo dei canali utilizzabili e visibili in una determinata località. Se in precedenza veniva usata, nel file /etc/modprobe.d/options, un'opzione simile alla seguente per consentire l'accesso ad alcuni canali nella propria zona, è possibile che ora la rete senza fili non funzioni:

  • options cfg80211 ieee80211_regdom=EU

Per l'avanzamento di versione ad Ubuntu 10.04 LTS è necessario rimuovere questa opzione dal modulo kernel, ed utilizzare in sostituzione il comando iw reg.

(Questa modifica è stata fatta in Ubuntu 9.10)

Le interfacce di rete aggregate (bonded) devono usare la configurazione hotplug-style

La migrazione della gestione di rete ad upstart significa che ora tutti i dispositivi di rete sono gestiti in modalità hotplug. Come risultato, si ha un avvio affidabile delle interfacce aggregate dato che vengono create come parte della configurazione dell'interfaccia fisica; altrimenti il sistema potrebbe tentare di avviare le interfacce aggregate prima che la successiva interfaccia fisica sia disponibile, sbagliando. Per un esempio su come configurare un'interfaccia aggregata per hotplug, consultare /usr/share/doc/ifenslave-2.6/examples/two_hotplug_ethernet nel pacchetto ifenslave-2.6.

(Questa modifica è stata fatta in Ubuntu 9.10.)

Pacchetti guidance-power in Kubuntu non più necessari

L'avanzamento di versione di Kubuntu potrebbe lasciare installati i pacchetti kde-guidance-powermanager o guidance-power-manager. Questi pacchetti possono essere rimossi.

Ctrl-Alt-Backspace disabilitato in modo predefinito in Xorg, configurato tramite XKB

A partire da Ubuntu 9.04, la combinazione di tasti Ctrl + Alt + Backspace, usata per forzare un riavvio del server X, è disabilitata in modo predefinito, per prevenirne l'uso accidentale. Inoltre, tale combinazione di tasti è ora configurata come opzione di mappatura dei tasti X (XKB), sostituendo così l'opzione "DontZap" del server X e rendendo possibile una configurazione per-utente.

Questa combinazione di tasti può ora essere facilmente riattivata dalla scrivania.

Abilitare Ctrl-Alt-Backspace in Ubuntu

  • Scegliere Sistema → Preferenze → Tastiera

  • Scegliere la scheda Disposizioni e fare clic su Opzioni disposizioni

  • Selezionare Sequenza di tasti per terminare il server X per abilitare la scorciatoia da tastiera

Abilitare Ctrl-Alt-Backspace in Kubuntu

  • Fare clic su Lancia applicazioni e selezionare Impostazioni di sistema

  • Fare clic su Lingua e paese

  • Selezionare Mappatura della tastiera

  • Nella scheda Disposizione, fare clic su Abilita le mappature della tastiera

  • Scegliere la scheda Avanzate e quindi Sequenza di tasti per terminare il server X per abilitare la scorciatoia da tastiera

Per maggiori informazioni, consultare: https://wiki.ubuntu.com/X/Config/DontZap (in inglese).

Nuove notifiche della disponibilità di aggiornamenti

Con la versione 10.04 LTS, invece di visualizzare un'icona di notifica nel pannello superiore, viene avviato il programma Gestore aggiornamenti. Gli utenti vengono avvisati riguardo gli aggiornamenti di sicurezza giornalmente, ma per gli aggiornamenti non relativi alla sicurezza vengono avvisati una volta alla settimana.

Per ricevere le notifiche come in precedenza, è possibile ripristinare tale comportamento eseguendo il seguente comando:

gconftool -s --type bool /apps/update-notifier/auto_launch false

(Questa modifica è stata fatta in Ubuntu 9.04)

Aggiornamento di MySQL

In Ubuntu 10.04 LTS, la sola versione disponibile di MySQL è la 5.1. Se l'avanzamento è gestito da update-manager la transizione da MySQL 5.0 a MySQL 5.1 avverrà correttamente.

Configurazione MySQL Cluster

Se MySQL è stato configurato per utilizzare il motore MySQL Cluster (NDB), l'aggiornamento a MySQL 5.1 non funzionerà, poiché i pacchetti mysql-dfsg-5.1 non supportano MySQL Cluster. È necessario invece installare il pacchetto mysql-cluster-server.

/etc/event.d non più utilizzato

La versione di upstart inclusa in Ubuntu 10.04 LTS non utilizza più i file di configurazione presenti nella directory /etc/event.d, ma utilizza invece /etc/init.

Non è possibile eseguire una migrazione automatica delle modifiche apportate in /etc/event.d.

Se sono state eseguite delle modifiche alle impostazioni in questa directory, è necessario riapplicarle manualmente utilizzando il nuovo formato di configurazione in /etc/init (bug 402759).

(Questa modifica è stata fatta in Ubuntu 9.10.)

Aggiornamento di syslog

Il pacchetto syslogd è stato sostituito da rsyslog. Le configurazioni presenti in /etc/syslog.conf verranno automaticamente convertite in /etc/rsyslog.d/50-default. Se sono state modificate le impostazioni di rotazione del registro in /etc/cron.daily/sysklogd o in /etc/cron.weekly/sysklogd, sarà necessario modificare le nuove configurazioni in /etc/logrotate.d/rsyslog. Notare anche che le configurazioni precedenti usavano .0 come estensione per il file, ora via logrotate verrà usato .1.

(Questa modifica è stata fatta in Ubuntu 9.10.)

Le architetture LPIA non sono più supportate

Le architetture LPIA presenti nei precedenti rilasci, a partire da Ubuntu 10.04 LTS non sono più supportate. L'hardware è ancora supportato, ma coloro che hanno sistemi installati come lpia devono eseguire il backup e reinstallare da zero utilizzando l'architettura i386 oppure amd64. Vedere il bug 523295, che include un metodo non supportato per la migrazione da lpia a i386.

Il plugin dovecot cmusieve è stato rinominato "sieve"

Il plugin "cmusieve" usato in dovecot è stato rinominato "sieve". Gli utenti che hanno la seguente impostazione nella configurazione di dovecot:

        mail_plugins = cmusieve

devono cambiarla in:

        mail_plugins = sieve

Altri problemi noti

Problema di sicurezza se si aggiorna da Lucid Alpha 2

Se è stata installata una versione precedente la Alpha 3 è possibile che sia stato installato libmysqlclient16 7.0.9-1. Questo pacchetto era erroneamente presente nell'archivio di Ubuntu ed è stato sostituito, ma poiché aveva un numero di versione successivo al pacchetto reale, il pacchetto corretto non viene installato automaticamente durante l'aggiornamento. Per verificare la presenza del pacchetto ufficiale sul proprio sistema Lucid e ricevere gli aggiornamenti di sicurezza tramite ubuntu 10.04 LTS, è necessario eseguire in un terminale sudo apt-get install libmysqlclient16/lucid e seguire le istruzioni. (522225)

Aggiornamento manuale di GRUB per il passaggio a ext4

Se viene scelto di aggiornare il file system delle partizioni / o /boot da ext2/ext3 a ext4 (come descritto nella wiki di ext4), una volta effettuato l'avanzamento a Ubuntu 10.04 LTS è necessario eseguire il comando: grub-install per reinstallare il programma di avvio. Se non si esegue questa operazione, la versione installata del programma di avvio (GRUB) non sarà in grado di leggere il kernel dal file system ext4 e il sistema non verrà avviato.

I processi di upstart non possono essere avviati in chroot

I processi di upstart non possono essere avviati in un ambiente chroot poiché upstart si comporta come supervisore di servizi e i processi all'interno del chroot non sono in grado di comunicare con l'istanza di upstart in esecuzione all'esterno del chroot (bug 430224). Per questo, l'aggiornamento di alcuni pacchetti che sono stati convertiti per usare i processi di upstart al posto degli script init, potrebbe non riuscire all'interno di un chroot. Si consiglia agli utenti di configurare i propri chroot con /sbin/initctl che punta a /bin/true, tramite il seguente comando usato all'interno del chroot:

dpkg-divert --local --rename --add /sbin/initctl
ln -s /bin/true /sbin/initctl

Le partizioni cifrate devono essere elencate in /etc/fstab

Se sono state configurate delle partizioni criptate in /etc/crypttab da avviare durante il boot (es., non usando l'opzione noauto), bisogna accertare che i file system presenti in questi volumi siano elencati in /etc/fstab. Altrimenti è possibile che durante il boot non venga richiesta la parola d'ordine.

Avahi si avvierà sempre, anche se è presente un dominio .local

Il pacchetto avahi-daemon, che implementa lo standard mDNS "zeroconf", prima includeva un controllo per prevenirne l'esecuzione in presenza di un conflittuale dominio DNS .local. Alcuni fornitori di servizi Internet mettono in mostra questo dominio .local all'interno delle proprie reti, non permettendo agli host Ubuntu di visualizzare i nomi disponibili all'interno della rete locale (bug 327362). In Ubuntu 9.10 avahi-daemon è avviato a prescindere.

È possibile che ciò causi altri problemi. Se la rete è configurata in questo modo, è possibile disabilitare mDNS con il seguente comando:

sudo stop avahi-daemon
sudo sed -e '/^start/,+1s/^/#/' /etc/init/avahi-daemon.conf

Aggirare gli errori della nuova architettura video del kernel

Ubuntu 10.04 LTS abilita, in modo prestabilito, la nuova tecnologia kernel-mode-setting (KMS) per i più diffusi chipset video. Sebbene questo rappresenti un grosso passo avanti per l'architettura grafica in Ubuntu, in qualche raro caso KMS potrebbe non consentire all'uscita video di funzionare correttamente o di non funzionare affatto. Se è necessario disabilitare KMS, bisogna avviare il sistema con l'opzione nomodeset. È possibile salvare questa impostazione in modo che venga applicata ad ogni avvio aggiungendola a grub config (per GRUB 2: modificare /etc/default/grub e aggiungere nomodeset a GRUB_CMDLINE_LINUX, quindi eseguire sudo update-grub; per GRUB 1: modificare /boot/grub/menu.lst e aggiungere nomodeset alla linea che inizia con # kopt=, quindi eseguire sudo update-grub). (533784, 541501)

Il visualizzatore PDF "Evince" non funziona con directory home non standard

Evince, il visualizzatore di documenti di GNOME, è ora dotato di un nuovo profilo AppArmor che aumenta considerevolmente le sicurezza, proteggendo gli utenti da problemi legati alle librerie PDF e alle immagini. Gli utenti che utilizzano posizioni non standard per la propria directory home dovranno regolarne la configurazione nel file /etc/apparmor.d/tunables/home. Per i dettagli, consultare la documentazione inglese.

Nessun ritardo per il menù d'avvio con GRUB 2

Quando si usa il bootloader GRUB 2 incluso in Ubuntu 10.04 LTS, sarà caricata automaticamente la prima opzione di avvio, senza attendere istruzioni dall'utente. Per interrompere l'avvio e fare apparire il menù, scegliere una diversa opzione di avvio o configurare gli argomenti del kernel, l'utente può premere il tasto Maiusc. (https://help.ubuntu.com/community/Grub2#GRUB%20vs%20GRUB%202)

Cambiamenti nell'output durante l'avvio in Ubuntu Server

Con l'introduzione di plymouth, i messaggi d'avvio degli script di startup non vengono più mostrati sopra la richiesta di autenticazione in tty1. Sono invece inviati a tty7 e su Ubuntu Server possono essere visualizzati dopo il boot premendo Alt+F7. Su tutti i sistemi i messaggi d'avvio possono essere trovati in /var/log/boot.log.

Nelle nuove installazioni di Ubuntu 10.04 LTS Server, non sarà presente alcuna schermata d'avvio. Questo permette agli amministratori del server di avere un resoconto più immediato sul sistema durante l'avvio, e impedisce anche che appaiono richieste all'utente, in caso di errori di montaggio del filesystem. Se si preferisce visualizzare la schermata, basta agggiungere l'opzione  splash in /etc/default/grub. Le scorciatoie da tastiera per l'interazione con mountall continueranno a funzionare anche senza schermata, ma non saranno visualizzabili: C per cancellare l'esecuzione di fsck; M per richiedere una shell di manutenzione; s per saltare un punto di montaggio introvabile; F per tentare di riparare gli errori individuati da fsck. (563916)

Pacchetti Sun Java spostati nel repository Partner

Per Ubuntu 10.04 LTS, i pacchetti sun-java6 sono stati eliminati dalla sezione Multiverse dell'archivio di Ubuntu. Al loro posto è raccomandabile usare openjdk-6. Se non è possibile passare dal formato proprietario Sun JDK/JRE a OpenJDK, è possibile installare i pacchetti sun-java6 dal Canonical Partner Repository. Per configurare l'uso di questo repository nel sistema, digitare nel terminale:

     add-apt-repository "deb http://archive.canonical.com/ lucid partner"

Finestra non funzionante con vecchie schede ATI

In presenza di vecchie schede grafiche ATI con 32MiB di memoria RAM o meno, insorgono dei problemi nel direct rendering delle finestre, come quelle delle notifiche OSD. Per aggirare questo problema, è possibile disabilitare l'opzione RenderAccel nella configurazione di X.org (bug 426582).

Per fare questo, prima uscire nella console col seguente comando:

  • sudo service gdm stop

Creare, poi, un file di configurazione di X.org:

  • sudo Xorg -configure

Quindi aggiungere l'opzione 'RenderAccel' /etc/X11/xorg.conf:

  • Section "Device"
            ...
            Driver "radeon"
            Option "RenderAccel" "off"
    EndSection

E riavviare X/GDM.

  • sudo service gdm start

Incompatibility with nVidia upstream driver installer

Ubuntu 10.04 LTS includes improved integration for nVidia binary driver packages. Unfortunately, this comes at the expense of compatibility with the installer provided upstream on the nVidia website. Users who wish to use the nVidia binary video drivers with 10.04 LTS should install them using the Ubuntu packages, as made available under System -> Administration -> Hardware Drivers.

Incompatibilità con l'installer via web dei driver nVidia

Ubuntu 10.04 LTS include una migliore integrazione con i pacchetti binari dei driver. Sfortunatamente questo va a discapito della compatibilità con il programma di installazione via web fornito dal sito nvidia. Gli utenti che desiderino usare i driver binari nVidia con 10.04 LTS, possono comunque installarli usando i pacchetti Ubuntu, reperibili in Sistema -> Amministrazione -> Driver hardware.

Intel 8xx X freezes/crashes

The -intel driver fails with X freezes or crashes on certain i8xx hardware. The issue is known upstream but solutions are still under development. For now, to work around the issue, boot with the -vesa video driver. See http://wiki.ubuntu.com/X/Bugs/Lucidi8xxFreezes for further details.

Intel 8xx causano freezes/crashes di X

I driver -intel sbagliano con X causando blocchi o crash su certi hardware i8xx. Il problema è noto ma la soluzione resta in fase di sviluppo. Per ora , per aggirare il problema, avviare con i driver video -vesa. Vedere http://wiki.ubuntu.com/X/Bugs/Lucidi8xxFreezes per maggiori informazioni.

LucidLynx/ReleaseNotes/it (last edited 2010-04-29 21:00:37 by valtermura-gmail)